16.6 C
San Gavino Monreale
sabato, 31 Ottobre 2020

Referendum FREE WEED. Richiesta di una svolta per la cannabis

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 31 ottobre: i dati dei contagi (+325) e dei guariti (+118) nelle ultime 24 ore. 13 nuove vittime

Il Covid-19 continua a mietere vittime in Sardegna. I dati dell'unità di crisi oggi sono impietosi, con 325 nuovi positivi nelle ultime...

Coronavirus, cinque Regioni con l’indice Rt maggiore di 1,5 rischiano il lockdown

Il monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute delinea un quadro nazionale sempre più allarmante. Il quadro nazionale...

Coronavirus, 30 ottobre: i dati dei contagi (+298) e dei guariti (+72) nelle ultime 24 ore

Il Covid-19 non rallenta, ancora decessi e nuovi contagi in Sardegna. I dati dell'unità di crisi ne sono la testimonianza con 298...

San Gavino Monreale, da lunedì ripartono i prelievi in via Nurazzeddu

Si comunica che a partire da lunedì 2 novembre 2020 saranno riattivati i prelievi ematici per l'esecuzione di esami di laboratorio a...

Coronavirus, 29 ottobre: i dati dei contagi (+282) e dei guariti (+36) nelle ultime 24 ore

Aumentano ancora i positivi al Covid-19 in Sardegna. Non conosce tregua l'ondata del Coronavirus nella nostra Isola. I dati dell'unità di crisi...

L’iniziativa referendaria Free Weed nasce per dare voce a tutti coloro che sostengono la legalizzazione della marijuana e la depenalizzazione per il suo uso. Costola dell’associazione O.N.C.L. di Stefano Armanasco, il progetto Free Weed nasce in rete e lì si sviluppa, raccogliendo giorno dopo giorno sempre maggiori consensi per il referendum antiproibizionista.

Free Weed
Free Weed

D’altronde non ci si può stupire: i consumatori occasionali di cannabis sono ormai milioni in Italia, ed è in rapida crescita il numero delle persone che utilizzano la marijuana a scopo terapeutico.

Testimonianza di tutto questo è anche la nascita (e il successo, con migliaia di contatti ricevuti) di portali online come questo, specializzati nella vendita di ricercati semi femminizzati (e altre varietà modificate) per ottenere il miglior rendimento dalla coltivazione delle piante.

Da una recentissima statistica nazionale sul consumo di cannabis emerge come la Sardegna si piazzi a sorpresa in prima posizione con il 24% di presenze di utilizzatori. Dalla stessa statistica, purtroppo, la nostra regione è risultata essere anche quella nella quale si riscontrano le percentuali più alte per il consumo di tutti i tipi di droghe.

Nonostante questo, non si è ancora fatto nulla per arginare la situazione, facendo sì che i consumatori occasionali di marijuana e gli spacciatori della stessa o di droghe pesanti fossero sin qui puniti con gli stessi mezzi: carcere e multa. Potrebbe inoltre non essere azzardato legare il proibizionismo verso le droghe leggere a un fenomeno davvero serio e inquietante del quale la Sardegna è la sfortunata protagonista: lo sballo tramite alcool unito a pasticche o a psicofarmaci, che causano effetti letali per l’organismo di chi le assume.

Premettendo che ognuno è libero di credere quello che preferisce sul consumo di ogni tipo di droga, anche di demonizzarlo, è innegabile che la proposta di Free Weed (visita il sito) potrebbe apportare un enorme cambiamento in tutta la Sardegna, compresa la nostra zona, spesso al centro delle cronache per fatti eclatanti legati alla droga.

Il progetto “Free Weed” consiste nella raccolta di almeno 500 mila firme, necessarie per una proposta di referendum che abroghi almeno parzialmente alcuni punti dell’attuale legge in materia di droghe leggere.

Se la proposta di referendum passasse, questo avrebbe una positiva influenza sulla nostra regione: si inizierebbero, ad esempio, ad adottare serie misure nei confronti di questa smisurata crescita dell’utilizzo di sostanze stupefacenti pesanti, operando, quindi, un distinguo tra i differenti usi e soprattutto tra danni causati dalle specifiche sostanze.

Per ora, invece, anche se l’acquisto di semi è consentito, la coltivazione e l’uso sono proibiti per legge. Nonostante ciò, come già detto, sono numerose le richieste presso i rivenditori autorizzati, come ad esempio quelle di acquisto di semi di cannabis autofiorenti.

L’enorme richiesta dei consumatori rappresenta un segnale piuttosto forte alle istituzioni, che non può essere ignorato ancora a lungo.

Articoli correlati

Ultime News

Ladri in azione in cimitero, la denuncia di una vergogna senza fine

Raccogliamo la testimonianza del "cittadino attivo" Luca Vaccargiu che rende pubblica una (terribile) abitudine di soliti ignoti, abituati a depredare le tombe...

Caritas Interparrocchiale, continua la raccolta di beni di prima necessità

La Caritas Interparrocchiale di San Gavino Monreale prosegue la sua opera silenziosa di aiuto alle persone in difficoltà.

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 31.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna: • 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri) di...

Coronavirus, 31 ottobre: i dati dei contagi (+325) e dei guariti (+118) nelle ultime 24 ore. 13 nuove vittime

Il Covid-19 continua a mietere vittime in Sardegna. I dati dell'unità di crisi oggi sono impietosi, con 325 nuovi positivi nelle ultime...