Sagra delle Olive di Gonnosfanadiga
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Ora SEL boccia Cruccu sindaco: «Fallimentare»

Corsa elettorale

Corsa elettorale

Si infiamma il dibattito sulle prossime elezioni comunali quando manca ancora un anno alla scelta del futuro sindaco. Tante le ipotesi, le smentite e i nomi che circolano tra la gente nelle piazze e nei bar. Ha fatto discutere la presenza del Movimento 5 Stelle a San Gavino con Giovanni Congia che si è presentato come referente locale. Al momento ci sono stati alcuni incontri informali tra simpatizzanti, ma non c’è ancora niente di concreto anche perché si sta lavorando alla creazione di un’associazione: «Non mi candiderò come sindaco – sostiene Giovanni Congia – alle prossime elezioni comunali. Non ho nessuna direzione politica e non esiste nessuna sede del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Non c’è la collaborazione di Nicola Ennas, Nicola Orru, Giuseppe Ariu, Mirko Guerrini e Dino Cardia, all’interno di una associazione che al momento non è stata resa ufficiale». Insomma, nonostante la partecipazione ai primi incontri, c’è già chi ha preso le distanze dal movimento di Grillo.

Ma in questo periodo volti nuovi si affacciano alla politica come Simone Spada, che a soli 25 anni è il referente di Sinistra e Libertà (Sel). «L’idea – spiega – è quella di collaborare con tutte le forze di sinistra per creare un cambiamento. Bisogna rinnovare parecchio anche con un candidato che abbia esperienza, ma servono nuove idee». Il sindaco attuale? «Gianni Cruccu è una bravissima persona, ma questa legislatura è stata fallimentare perché è mancata la voglia di sperimentare e innovare. Bisogna ripartire dalla manutenzione del tessuto urbano e dalla cultura, collaborando con scuole, associazioni e Pro Loco».

Non ha peli sulla lingua l’ex sindaco Gianni Tinti che non si candiderà: «San Gavino è in agonia. L’edilizia è ferma, il paese bloccato e gli amministratori sono semplici esecutori di ordini dei funzionari del Comune. Quando sono stato sindaco non ho mai preso l’indennità e in questo periodo di crisi bisognerebbe dare l’esempio mentre l’accesso al Comune è limitato agli stessi consiglieri comunali: è una porcata».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Condividi la pagina

Lascia un commento