16 C
San Gavino Monreale
martedì, Giugno 2 2020

La Rinascita parte da qui

Da leggere

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...

AVIS San Gavino, il Covid-19 non blocca le donazioni di sangue

Nonostante il lockdown dei mesi scorsi l’AVIS di San Gavino registra solo una piccola flessione delle donazioni di sangue nei primi cinque...

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Viale Rinascita
Viale Rinascita

Nel 1865 a Milano nacque il primo negozio italiano di abiti preconfezionati. Che cosa strana a pensarci oggi. Nel 1917 questo negozio, che ormai non vendeva solo abiti ma era diventata una piccola e moderna città mercato, fu ricostruito a causa di un incendio. È da quel momento che prese il nome di “La Rinascente”. Il nome gli fu dato da Gabriele D’Annunzio. In Sardegna fu costruito a Cagliari, lungo la via Roma nel 1931.

Il luogo, in tutta Italia, divenne ben presto un punto di ritrovo non solo commerciale ma anche artistico. Bene, chi ha dato il nome viale Rinascita alla strada che unisce la via Roma allo “stradone per la fonderia” questo non lo sappiamo. Ma se il termine viale è poco consono all’attualità, il termine rinascita ci piace.

Proprio come fu per D’Annunzio, in questo momento questa via ci sembra rappresentare un punto di partenza discreto per un miglioramento del commercio sangavinese, e non solo. Vero, non c’è stato alcun incendio ma una crisi paragonabile ad esso sì. Questa via da qualche mese sembra rinata, senza alberi e senza parcheggi a pagamento ma con negozi, macchine e persone, possiamo dire, ovunque. Studi medici, bar, parco, panifici, macchinette, alimentari, circoli e chi più ne ha più ne metta. Ma non troppo.

I locali liberi ci sono, ma non son tantissimi, a differenza della via Roma che a quanto pare, vive una crisi che sembra simboleggiare il cambiamento in atto nella nostra cittadina. Strade da rifare, locali sfitti e arredo urbano da rivedere, ma ora speriamo riprenda vita anche la via principale del paese, sempre che consideriate la via Roma come la via principale…

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...

AVIS San Gavino, il Covid-19 non blocca le donazioni di sangue

Nonostante il lockdown dei mesi scorsi l’AVIS di San Gavino registra solo una piccola flessione delle donazioni di sangue nei primi cinque...

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...