Carnevale Storico Sangavinese 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

«Il prefetto fermi la strage sulla SS197»

Gianni Cruccu: vogliamo una rotatoria nell’incrocio della morte Rimarca la necessità di intervenire sulla strada che ha fatto quattro vittime.

Incidente nell'incrocio della morte

Incidente nell’incrocio della morte

Cinquanta incidenti, 90 feriti, 4 morti. Sono questi i numeri del bollettino di guerra degli ultimi 8 anni dell’incrocio tra la provinciale 62 per Villacidro e la statale 197 Sanluri-Guspini. Gli ultimi due incidenti (con feriti) si sono verificati di recente e sono solo gli ultimi di una lunga serie in questo punto della strada statale 197, posto in curva e noto come incrocio della morte.

Ecco perché il sindaco di San Gavino Gianni Cruccu ha scritto ancora una volta al prefetto di Cagliari, chiedendo la messa in sicurezza di questo incrocio a raso con scarsa visibilità. Da troppo tempo gli automobilisti, che attraversano con terrore questo punto della statale, attendono la realizzazione di una rotonda: «È necessario – rimarca Gianni Cruccu – porre termine allo stillicidio di vittime causate da una situazione di estrema pericolosità di questo incrocio. Chiedo con urgenza che venga convocato un incontro con le istituzioni ed enti interessati. Questa situazione sta diventando ormai non più sostenibile e presto potrebbe causare anche problemi di ordine pubblico per un paventato blocco stradale nel sito».

Insomma non c’è più un attimo da perdere ed è ora di passare dalle parole ai fatti concreti prima che sia troppo tardi: «Esprimo la mia indignazione – aggiunge Cruccu – per le promesse fatte tempo fa dall’allora vice prefetto Bruno Corda e non mantenute. In quell’occasione si parò di una rotonda provvisoria in attesa di una soluzione definitiva. A questo punto stiamo pensando anche ad un gesto di protesta clamoroso. Adesso basta: non si gioca con le vite umane che non hanno prezzo».

In tanti chiedono che si intervenga come Rina Pittau, impiegata: «Mia figlia e una sua amica sono rimaste ferite in quell’incrocio. Che cosa aspettano ad intervenire».

Gigi Pittau

Lascia un commento