20.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Aprile 8 2020

«Il Consorzio non rimborsa le bollette 2006»

Da leggere

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: superata quota 30.000 €

La Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 30.739 euro grazie alla donazione di 451 persone.

INPS e indennità Covid-19, attenzione alle truffe via SMS

L’INPS, mediante una nota urgente, informa i propri utenti che si sono nuovamente verificati sospetti tentativi fraudolenti di richiesta di dati sensibili,...

Presentazione delle domande per la concessione dei “Buoni Spesa” del Comune di San Gavino Monreale

Sono aperti i termini per la presentazione delle istanze finalizzate alla concessione di “buoni spesa” al fine di fronteggiare i bisogni alimentari...

Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus. Ospiti del 7 aprile, Don Massimo Cabua e Alberto Ibba

Oggi con noi Don Massimo Cabua e Alberto Ibba. Tutte le sere dal lunedì al venerdì alle 21:30 andrà in onda "Raccontare...

Consorzio di bonifica
Consorzio di bonifica

È un coro di proteste contro le bollette del della Sardegna Meridionale. In particolari gli agricoltori, gli allevatori e i pensionati di San Gavino chiedono il rimborso dei pagamenti effettuati per l’anno 2006 e protestano per le quote fisse che ogni anno devono essere pagate: «Alcuni mesi fa – denuncia Giovanni Caboni, 72 anni, pensionato – c’è stata una riunione in Comune alla presenza dei funzionari del consorzio di bonifica, di alcuni amministratori comunali, regionali e parlamentari. La promessa fu che sarebbero stati restituiti i soldi del 2006 a chi aveva già pagato le bollette, ma fino ad oggi non è arrivato nessun rimborso. La situazione è assurda: ci sono pensionati con 500 euro al mese che devono pagare al consorzio anche 250 euro per un ettaro di terra».

Protesta anche Luciano Figus, 75 anni, pensionato: «A me non è mai arrivata la bolletta del 2006, ma poco tempo fa ho ricevuto un sollecito di pagamento di Equitalia per quell’anno di 128,79 euro. È assurdo: anche nel 2012 ho pagato una quota fissa per il riordino fondiario di 55 euro e 47,50 di manutenzione che non viene mai fatta». Coltiva per passione pomodori, lattuga e zucchine Eustorgio Montis, 79 anni: «Ho un terreno di 6mila metri quadrati e in una piccola parte faccio l’orto. Anche da poco ho dovuto pagare una rata al consorzio di 78,66 euro per la manutenzione, ma se si rompe un impianto nessuno ripara i danni. Non va dimenticato che chi va in campagna cura l’ambiente e controlla il territorio».

L’assurdo è che deve pagare per un minimo di estensione di terra anche chi coltiva un fazzoletto di terreno, come evidenzia Roberto Piras: «Annaffio per poco più di venti metri quadri 2-3 giorni alla settimana con l’impianto a goccia ed è come se lo facessi per mezzo ettaro».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: superata quota 30.000 €

La Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 30.739 euro grazie alla donazione di 451 persone.

INPS e indennità Covid-19, attenzione alle truffe via SMS

L’INPS, mediante una nota urgente, informa i propri utenti che si sono nuovamente verificati sospetti tentativi fraudolenti di richiesta di dati sensibili,...

Presentazione delle domande per la concessione dei “Buoni Spesa” del Comune di San Gavino Monreale

Sono aperti i termini per la presentazione delle istanze finalizzate alla concessione di “buoni spesa” al fine di fronteggiare i bisogni alimentari...

Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus. Ospiti del 7 aprile, Don Massimo Cabua e Alberto Ibba

Oggi con noi Don Massimo Cabua e Alberto Ibba. Tutte le sere dal lunedì al venerdì alle 21:30 andrà in onda "Raccontare...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 7 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...