13.6 C
San Gavino Monreale
lunedì, 26 Ottobre 2020

Uno schiaffo alla povertà

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, Conte prepara il nuovo DPCM: stop a palestre e cinema, chiusura dei ristoranti alle 18 e stretta sul weekend

Lungo vertice a Palazzo Chigi tra il Giuseppe Conte e i capi delegazione per ragionare sulla nuova stretta per il coronavirus. Tra...

Coronavirus, salgono ancora i contagi in Sardegna: +329 nelle ultime 24 ore

Sono 329 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 4 ottobre 2020 continua...

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Uno schiaffo alla povertà
Uno schiaffo alla povertà

“C’è crisi”. Forse questa è la frase più ripetuta negli ultimi anni. Ci siamo stancati di dirla e di sentircela dire. Ma oggi queste poche parole rimbombano nella mia testa più fortemente del solito.

Diversi nostri lettori, infatti, ci hanno segnalato un fatto che ha dell’incredibile. A causa di questa maledetta e interminabile crisi, infatti, un numero sempre crescente di famiglie ha bisogno di un piccolo aiuto per arrivare a fine mese. E così le associazioni di volontariato, i servizi sociali comunali, le parrocchie e i singoli cittadini si adoperano per cercare di portare sostegno laddove necessario.

Tra le varie forme di aiuto, annoveriamo la distribuzione dei pasti in eccedenza dalla mensa ospedaliera. In sostanza, i pasti confezionati ma non consumati dai pazienti, vengono ritirati da volontari che poi, grazie al tramite della parrocchia di Santa Teresa, li dispensano ai meno abbienti. Già questo, a tanti dei sangavinesi più fortunati, può suonare “incredibile”, come avevamo annunciato in apertura.

Viene difficile accettare che ci sia tanta povertà dentro casa nostra. Eppure è così e non possiamo fingere che il problema non esista. Così come non possiamo accettare che ci sia qualcuno che, quei pasti donati con altruismo e gioia, li butti via. Sì, avete letto bene: c’è chi, dicendo di aver bisogno, ritira il cibo distribuito dai volontari e poi, magari non trovandolo di proprio gradimento, lo getta via, ancora imballato, nelle cunette o nelle aiuole del paese. Tremo di rabbia nel pensare che, per ognuna di queste persone senza vergogna, ce ne siano altre oneste e bisognose, che invece non hanno nemmeno il coraggio, per pudore, di chiedere l’aiuto che meriterebbero.

Buttare via il cibo (ancora peggio se donato) è uno schiaffo alla povertà, a quella vera.

Fonte: Simone Usai, Comprendo

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 25.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 27 attualmente positivi (invariato da ieri) di cui 26 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato...

26 ottobre 2020, allerta meteo gialla per temporali

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile, in data odierna, ha emesso a partire dalle ore 12:00 del 26.10.2020 e sino alle...

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

DPCM e chiusure: al posto di consigli sui social, agiamo: aiutiamo le attività più colpite!

Dopo l'ufficialità del DPCM del 25 ottobre 2020 e la conferenza stampa di Giuseppe Conte di stamattina, che ha tenuto incollati alla...