23 C
San Gavino Monreale
domenica, 9 Agosto 2020

Uno schiaffo alla povertà

Da leggere

Stefania Secchi si dimette dal Consiglio Comunale

La consigliera Stefania Secchi, dopo 6 anni, lascia il Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. A darne notizia, il...

7 agosto, data fatidica: c’è attesa per il progetto esecutivo del Nuovo Ospedale di San Gavino

Il conto alla rovescia è agli sgoccioli. Come affermato il 15 giugno da Sergio Pili, direttore dell'ospedale di San Gavino Monreale, il...

Il programma della Festa di Santa Chiara 2020

Un programma ben diverso da quello a cui siamo abituati, ma la Festa di Santa Chiara si farà anche in questo difficile...

Consiglio Comunale del 6 agosto 2020, la diretta streaming

La riunione di Consiglio Comunale, convocato in videoconferenza, per il giorno 06/08/2020 alle ore 19:30 CANALE YOUTUBE DEL COMUNE...

Uno schiaffo alla povertà
Uno schiaffo alla povertà

“C’è crisi”. Forse questa è la frase più ripetuta negli ultimi anni. Ci siamo stancati di dirla e di sentircela dire. Ma oggi queste poche parole rimbombano nella mia testa più fortemente del solito.

Diversi nostri lettori, infatti, ci hanno segnalato un fatto che ha dell’incredibile. A causa di questa maledetta e interminabile crisi, infatti, un numero sempre crescente di famiglie ha bisogno di un piccolo aiuto per arrivare a fine mese. E così le associazioni di volontariato, i servizi sociali comunali, le parrocchie e i singoli cittadini si adoperano per cercare di portare sostegno laddove necessario.

Tra le varie forme di aiuto, annoveriamo la distribuzione dei pasti in eccedenza dalla mensa ospedaliera. In sostanza, i pasti confezionati ma non consumati dai pazienti, vengono ritirati da volontari che poi, grazie al tramite della parrocchia di Santa Teresa, li dispensano ai meno abbienti. Già questo, a tanti dei sangavinesi più fortunati, può suonare “incredibile”, come avevamo annunciato in apertura.

Viene difficile accettare che ci sia tanta povertà dentro casa nostra. Eppure è così e non possiamo fingere che il problema non esista. Così come non possiamo accettare che ci sia qualcuno che, quei pasti donati con altruismo e gioia, li butti via. Sì, avete letto bene: c’è chi, dicendo di aver bisogno, ritira il cibo distribuito dai volontari e poi, magari non trovandolo di proprio gradimento, lo getta via, ancora imballato, nelle cunette o nelle aiuole del paese. Tremo di rabbia nel pensare che, per ognuna di queste persone senza vergogna, ce ne siano altre oneste e bisognose, che invece non hanno nemmeno il coraggio, per pudore, di chiedere l’aiuto che meriterebbero.

Buttare via il cibo (ancora peggio se donato) è uno schiaffo alla povertà, a quella vera.

Fonte: Simone Usai, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Stefania Secchi si dimette dal Consiglio Comunale

La consigliera Stefania Secchi, dopo 6 anni, lascia il Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. A darne notizia, il...

7 agosto, data fatidica: c’è attesa per il progetto esecutivo del Nuovo Ospedale di San Gavino

Il conto alla rovescia è agli sgoccioli. Come affermato il 15 giugno da Sergio Pili, direttore dell'ospedale di San Gavino Monreale, il...

Il programma della Festa di Santa Chiara 2020

Un programma ben diverso da quello a cui siamo abituati, ma la Festa di Santa Chiara si farà anche in questo difficile...

Consiglio Comunale del 6 agosto 2020, la diretta streaming

La riunione di Consiglio Comunale, convocato in videoconferenza, per il giorno 06/08/2020 alle ore 19:30 CANALE YOUTUBE DEL COMUNE...

San Gavino, una galleria per unire stazione e area bus

Mettere in sicurezza i viaggiatori nel percorso pedonale dal treno al pullman e viceversa. Ma anche la modernizzazione e l'ampliamento del terzo...