26.9 C
San Gavino Monreale
lunedì, Luglio 6 2020

“Land grabbing”, convegno a Serramanna

Da leggere

Diabetologia, la battaglia si sposta in Regione: lettera all’Assessore Mario Nieddu

Il FAND Medio Campidano scrive all'Assessore Regionale alla Sanità, Mario Nieddu, per presentare formale richiesta di ripristino integrale del Servizio di Diabetologia...

“A Casa di Gio”: Torta di fichi senza cottura!

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Psiconcologia: un servizio sottovalutato e scomparso dalla ASSL di Sanluri

Anni fa, esattamente nel 2015, l'ASSL di Sanluri dava notizia dell'attivazione di un importantissimo servizio: lo Sportello di sostegno al lutto e...

Ritrovato iPhone, si cerca il proprietario

In via Nurazzeddu a San Gavino Monreale, nella zona del poliambulatorio, è stato ritrovato un iPhone. Il proprietario,...

Il “land grabbing” o “accaparramento delle terre”, come viene definito dall’International Land Coalition si verifica quando grandi aziende, internazionali e non, acquisiscono importanti estensioni di terreno a discapito delle popolazioni che vi abitano ignorando il principio del consenso “libero, preventivo e informato” delle comunità che utilizzano quella terra; ignorando l’impatto sociale, economico e ambientale (oltre che l’impatto sulle relazioni di genere) derivante dall’acquisizione evitando la conclusione di contratti trasparenti, con impegni chiari e vincolanti sugli impieghi e sulla ripartizione dei benefici; evitando la partecipazione democratica, il controllo indipendente e la partecipazione informata delle comunità che utilizzano la terra.

In Sardegna vi sono notevoli porzioni di territorio sottoposte a servitù militare e numerose aree inquinate da industrie pesanti e impianti di produzione che da decenni rappresentano una forma di benessere illusorio e precario. A tutt’oggi l’isola sembra attirare investimenti dalle imprese più disparate per la creazione di nuove servitù industriali ed energetiche.

Su questo tema, domenica 13 alle ore 18:00 presso il Montegranatico di Serramanna, Simone Lisci, Nicolò Migheli e Michela Murgia animeranno il confronto sul land grabbing, fenomeno da sempre presente in Sardegna.

Simone Lisci riporterà le esperienze dei comitati territoriali in relazione a progetti come Eleonora e Igia; Nicolò Migheli parlerà delle ricadute positive, in termini economici e sociali, derivanti dallo sviluppo dell’industria agroalimentare; Michela Murgia, candidata di Sardegna Possibile, esporrà la posizione della sua coalizione per una futura gestione delle terre in Sardegna.

"Land grabbing", convegno a Serramanna
“Land grabbing”, convegno a Serramanna

Altri articoli

Ultime News

Diabetologia, la battaglia si sposta in Regione: lettera all’Assessore Mario Nieddu

Il FAND Medio Campidano scrive all'Assessore Regionale alla Sanità, Mario Nieddu, per presentare formale richiesta di ripristino integrale del Servizio di Diabetologia...

“A Casa di Gio”: Torta di fichi senza cottura!

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Psiconcologia: un servizio sottovalutato e scomparso dalla ASSL di Sanluri

Anni fa, esattamente nel 2015, l'ASSL di Sanluri dava notizia dell'attivazione di un importantissimo servizio: lo Sportello di sostegno al lutto e...

Ritrovato iPhone, si cerca il proprietario

In via Nurazzeddu a San Gavino Monreale, nella zona del poliambulatorio, è stato ritrovato un iPhone. Il proprietario,...

Diabetologia, un modulo da compilare per proseguire la battaglia al fianco dei pazienti

Un modulo PDF da inviare via mail alla ASSL di Sanluri, per diventare parte attiva della protesta contro lo spostamento del servizio...