23.6 C
San Gavino Monreale
sabato, 24 Ottobre 2020

Mamma, la Tares!

Emergenza sanitaria

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Coronavirus in Sardegna, è record assoluto di nuovi contagi: +349 nelle ultime 24 ore

Sono ben 349 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 23 ottobre 2020...

ASSL Sanluri, ecco come richiedere l’esito del tampone

Tramite il servizio online dell'ASSL di Sanluri è possibile richiedere l'esito del Tampone effettuato presso l'azienda sanitaria inviando una semplice mail all'indirizzo: refertitamponi.sanluri@atssardegna.it.

Emergenza Covid e l’imbuto del sistema sanitario, la ricetta del Dott. Emiliano Tatti

Una riflessione del Dott. Emiliano Tatti, medico ospedaliero che da 11 anni presta servizio come neurochirurgo presso l'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari,...

Il “decreto Salva Italia” l’ha creata e solo oggi capiamo che forse l’Italia si salverà ma gli italiani continuano a navigare a vista. Stiamo parlando della Tares, introdotta nel nostro ordinamento dal Governo Monti alla fine del 2011 in sostituzione della Tarsu. È dunque un tributo in tema di gestione dei rifiuti, è l’acronimo di Tassa Rifiuti e Servizi.

Mamma, la Tares!
Mamma, la Tares!

L’imposta si basa sulla superficie dell’immobile, il numero dei residenti, l’uso e la produzione media dei rifiuti. L’obiettivo del gettito ottenuto da questa tassa è la copertura di tutti i servizi di raccolta e smaltimento del Comune.

Ma perché la Tares è così elevata? Perché dovrà coprire il 100% dei costi sostenuti dal Comune mentre col vecchio sistema se ne copriva circa l’80%. Inoltre coprirà anche i cosiddetti servizi indivisibili, cioè tutti quei servizi per i quali si considera ne possa usufruire l’intera popolazione e per i quali non si può scindere il reale usufruitore da chi non ne usufruisce. Per capirci, ci riferiamo all’illuminazione pubblica, le strade, i vigili urbani e il verde cittadino.

Ma la verità è che la componente rifiuti della Tares incide in maniera forse troppo elevata, questo a causa dei costi molto alti dei servizi connessi ai rifiuti, su tutti quello dello smaltimento in discarica. Ed è proprio per questo che l’utente trae pochi benefici, in senso economico, dalla separazione dei rifiuti. La normativa regionale infatti, obbliga il conferimento in discarica e al Casic (Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Cagliari).

Sia ben chiaro, la differenziazione dei rifiuti fatta dai singoli cittadini è fondamentale per ridurre la crescita delle discariche e per recuperare le materie prime di cui i rifiuti si compongono, quello che tutti noi chiamiamo “riciclare”. Anche se capiamo che l’idea di un paese ecosostenibile non sia la prima cosa venuta in mente a chi aveva appena letto la cifra da pagare per la Tares.

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Articoli correlati

Ultime News

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

Giochi mortali in via Dante: e se il problema fosse più profondo? Il punto di vista di Francesco Podda

Ieri abbiamo pubblicato la denuncia di una nostra lettrice, in cui si parlava di giochi mortali nella rotonda di via Dante, che...

Coronavirus: firmata ordinanza per anticipo pensioni e indennità

Disposto il pagamento anticipato delle prestazioni previdenziali di novembre e dicembre. Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...