17.7 C
San Gavino Monreale
domenica, 27 Settembre 2020

La chiesa di Santa Lucia

Da leggere

26 settembre 2020, altre 24 ore di allerta meteo gialla

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile ha emesso a partire dalle ore 00:00 del 26 settembre 2020 e sino alle 23:59...

Gonnosfanadiga si prepara alle comunali, tre liste per eleggere il successore di Fausto Orrù

Elezioni comunali, saranno tre le liste che si daranno battaglia a Gonnosfanadiga. Si scaldano i motori per la...

Danni a una Toyota Yaris, la pioggia cancella il biglietto sul cruscotto

Una nostra lettrice ha richiesto il nostro (anzi, il vostro) aiuto per cercare di risolvere una situazione che, oltre al danno, ha...

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 30 settembre 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria, seduta pubblica, con...

La chiesa e convento di Santa Lucia (su guventu) è il monumento, di origine Alto Medievale, più antico che si trova nel territorio di San Gavino Monreale, risalente al IX-X secolo. Costruito su precedenti insediamenti nuragici, venne poi ristrutturato dai primi monaci di rito greco-bizantino che giunsero in Sardegna in quei secoli. Si ipotizza che fosse – inizialmente – un cappella/edicola di monaci basiliani; a sostegno di questa ipotesi sono tanti gli elementi: prima di tutto il fatto che questi monaci fossero cenobitici (si riunivano in luoghi comunitari), e spesso consacravano luoghi pagani in cristiani.

1956, spalle al Convento
1956, spalle al Convento

La prima ipotesi è confermata dal ritrovamento, nell’antirefettorio, di tracce di una antica cupola con i peducci quasi intatti, aventi i pampini in rilievo e che, secondo Padre Iliario Orrù, sono da attribuirsi a matrici greche; la seconda ipotesi, riferita sempre da Padre Orrù, è che al centro del chiostro fu scoperta una sorgente coperta e chiusa da muri, da cui si accedeva tramite delle scale, e che probabilmente era da far risalire al culto delle acque dei nuragici; come avveniva in altri luoghi, i cristiani riconvertivano luoghi come questi ai Santi, in questo caso Santa Lucia, martire siracusana e benedetta per la cura della cecità, che spesso avveniva tramite le acque.

Il chiostro è un’opera molto bella e fragile, con il tetto più antico costruito in legno di ginepro, che si irrobustisce però mano a mano che diventa sempre più vecchio. Inoltre sono presenti due lapidi con iscrizioni medievali in gotico e risalenti al XII e XIII secolo, segno della sepoltura di gente pisano-toscana (e forse il luogo continuò a mantenere per secoli la funzione cimiteriale). Della struttura originaria quindi è possibile vedere l’antica volta a botte, le pesanti archeggiature, oltre alle due incisioni in lingua greca con la dicitura “uomini di Basilio” e “Aetione”, benché scritte con abbreviazioni di scuola benedettina.

Dopo l’XI secolo – con il grande scisma tra Chiesa d’Occidente e d’Oriente – i monaci basiliani furono costretti ad andarsene e il convento venne preso prima dai Benedettini, poi a partire dal XVI secolo dai Francescani, portati dal potere spagnolo, che continuarono ad ampliare l’edificio e a mandarne avanti l’attività; di quegli anni è infatti la scritta “1541”, rinvenuta incisa su un concio che univa la sacrestia con la chiesetta, data che però è di alcuni anni precedente la venuta dei monaci francescani.

In alcune cappelle interne alla chiesa sono presenti degli altari in marmo – del XVI secolo e successivi –  con una croce particolare, che ricorda tanto il simbolo dei cavalieri templari, che però erano già stati aboliti e dichiarati fuori legge dalle autorità costituite dell’epoca.

I monaci del Convento gestivano pure una scuola, l’università di Teologia e Lettere, con una importante biblioteca a partire dal XVII secolo circa. A testimonianza di quale fosse il ruolo sociale di questo luogo per la comunità di San Gavino, sono le numerose attestazioni di lasciti, testamenti e transazioni economiche che privati cittadini o autorità versavano ai monaci della chiesa; oltre a questo, erano presenti delle costruzioni davanti alla chiesa stessa, chiamate buttegheddas de guventu, ovvero una lunga fila di stanze che i religiosi davano ai pellegrini accorsi per la festa in onore della santa.

Fonte: Alberto Serra

Per approfondire:
AA.VV, Appunti storici su San Gavino Monreale, 1982.
CASTI A, Sa bidda de santu’engiu, 1989.
CASTI A, Santu ‘Engiu arrogus de storia, 1997.
SANNA M, San Gavino-Sardara, due villaggi sentinella di frontiera, 1997.

Altri articoli

Ultime News

26 settembre 2020, altre 24 ore di allerta meteo gialla

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile ha emesso a partire dalle ore 00:00 del 26 settembre 2020 e sino alle 23:59...

Gonnosfanadiga si prepara alle comunali, tre liste per eleggere il successore di Fausto Orrù

Elezioni comunali, saranno tre le liste che si daranno battaglia a Gonnosfanadiga. Si scaldano i motori per la...

Danni a una Toyota Yaris, la pioggia cancella il biglietto sul cruscotto

Una nostra lettrice ha richiesto il nostro (anzi, il vostro) aiuto per cercare di risolvere una situazione che, oltre al danno, ha...

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 30 settembre 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria, seduta pubblica, con...

Mobilità elettrica in Sardegna. Cosa fa San Gavino?

Nel 2017 la Regione Sardegna pubblicava un bando per l’installazione di 650 colonnine di ricarica (300 lente, altre 300 di media velocità...