24 C
San Gavino Monreale
lunedì, 26 Ottobre 2020

San Gavino Monreale nell’Ottocento

Emergenza sanitaria

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, Conte prepara il nuovo DPCM: stop a palestre e cinema, chiusura dei ristoranti alle 18 e stretta sul weekend

Lungo vertice a Palazzo Chigi tra il Giuseppe Conte e i capi delegazione per ragionare sulla nuova stretta per il coronavirus. Tra...

Coronavirus, salgono ancora i contagi in Sardegna: +329 nelle ultime 24 ore

Sono 329 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 4 ottobre 2020 continua...

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

A metà dell’800 furono due gli autori che parlarono di San Gavino: il Reverendo Raimondo Porru e Padre Vittorio Angius.

Il Porru scriveva che l’abitato del villaggio aveva una figura tendente all’ovale da levante verso ponente con quattro strade principali – dette rugas. Ogni casa aveva la sua piazza o cortile, con qualche albero da frutta; le case più importanti erano quelle Rettorali e quella di Don Antonio Diana.

San Gavino Monreale nell'Ottocento
San Gavino Monreale nell’Ottocento – Foto di Diego Cotza

Il villaggio, a causa della sua posizione, subiva un clima spesso freddo, umido e nebbioso – l’Angius sosteneva che era uno dei luoghi più insalubri; le malattie che colpivano i suoi abitanti erano i catarri polmonari.

Porru affermava che il carattere dei sangavinesi era generalmente pacifico e quasi tutto intento al lavoro, e non si faceva nulla di particolare in occasione di nascite, nozze o funerali; si divertivano con il ballo a suon di zampogna, specie a carnevale.

Il vestiario era sobrio: si portava il giubbone nero d’orbacci e di panno. Angius sosteneva invece che gli abitanti avevano un arte poco illuminata, con la volontà di fare solo ciò che era utile; si facevano le cose nello stesso modo degli antichi. Erano un popolo di superstiziosi, che si portavano addosso certi scrittus di alcuni sacerdoti come monili porta fortuna; avevano l’abitudine a tardare ad agire e con pochissima vivacità. Notava ancora un elevato numero di accattoni, i quali piuttosto che lavorare si affidavano alla beneficenza.

L’abitato aveva tutto intorno delle paludi, con le principali di Santu Baingiu e quella di sa piscina de sa terra bianca. Inoltre erano innumerevoli le piscine usate come abbeveratoi per gli animali, così come i siti pantanosi; per attraversare queste zone vennero costruiti nel corso dei secoli diversi ponti, uno sul rio Marianna Garau, uno in zona del Convento e uno sul Flumini Mannnu. Le feste caratteristiche erano: Santissima Vergine delle Meraviglie, Santa Severa, Santa Chiara, San Gimiliano Vescovo e Santa Lucia.

Nel 1812 ci fu una terribile carestia, tanto da farla entrare nel modo di dire: “S’ànnu dòxi”; nel 1816 ci fu un’altra carestia, e un attacco di malattie epidemiche a causa dei cibi insalubri: a San Gavino morirono 128 adulti e 130 bambini. Nel 1818 altra piccola carestia che causò la morte di 158 adulti e 160 bambini; nel 1828-29 ci fu una inondazione e l’anno dopo il paese venne colpito dal vaiolo e da febbri putride. Nel 1842 altra malattia di vaiolo e un’altra inondazione causarono morti e scarso raccolto. Nel 1846 una terribile inondazione causò gravi danni all’abitato e alle persone: molti sfollati furono accolti nella case dei nobili; queste alluvioni trasformavano le strade in veri e propri pantani.

A partire da quegli anni si iniziarono a bonificare alcune zone, come lo staini de santu ‘Angiu nel 1838, e nel 1881 venne inaugurata la ferrovia. Nel 1863 con il Regio Decreto venne formalizzato il nome del Comune in San Gavino Monreale.

Alberto Serra

Per approfondire:
GIACU G, Oltre l’Incendio, 2003.
ANGIUS – CASALIS, Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M il re di Sardegna, 2006.
Sito del Comune di San Gavino Monreale, 2014.

Articoli correlati

Ultime News

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 25.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 27 attualmente positivi (invariato da ieri) di cui 26 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato...

26 ottobre 2020, allerta meteo gialla per temporali

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile, in data odierna, ha emesso a partire dalle ore 12:00 del 26.10.2020 e sino alle...

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...