15 C
San Gavino Monreale
domenica, 29 Novembre 2020

Un bacino per Ahmed

Emergenza sanitaria

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

Coronavirus in Sardegna, 27 novembre: i dati dei contagi (+375) e dei guariti (+164) nelle ultime 24 ore. Altri 9 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 9 decessi e 375 nuovi casi. Cala il numero dei ricoveri. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 375...

Coronavirus in Sardegna, 26 novembre: i dati dei contagi (+405) e dei guariti (+126) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 5 decessi e 405 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 405 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.037...

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Oggi vogliamo raccontarvi la storia di Ahmed Barkhia, un amico di San Gavino Monreale . Net, uno di quelli tosti.

Ahmed Barkhia
Ahmed Barkhia

La sua storia è fatta di tenacia, di voglia di vivere e di un approccio positivo verso le tante difficoltà che la vita gli ha messo davanti.

Ahmed Barkhia, pur essendo affetto da Nanismo Ipofisario, Osteonecrosi delle articolazioni inferiori ed Acondroplasia Displasica Bilaterale, non ha mai chiesto aiuto a nessuno. Ha girato gli ospedali di mezza Italia, cercando una soluzione – anche parziale – ai suoi problemi. Solo quando è stato inevitabile farlo, ha deciso di creare il sito www.ahmedbarkhia.net per chiedere una mano a tutti noi.

Ultimamente la sua condizione fisica si è aggravata ulteriormente, nello specifico la deambulazione. Per camminare (con grave difficoltà motoria) deve prendere molti antidolorifici che inevitabilmente deteriorano anche altri organi interni; inoltre è costretto ad utilizzare stampelle e mezzi di trasporto anche per piccole distanze.

Ahmed Barkhia è arrivato al punto di non ritorno: per evitare di restare menomato per sempre, ha bisogno del nostro aiuto. Tramite il sito www.ahmedbarkhia.net è possibile fare una donazione (o acquistare una maglietta) per finanziare una costosissima operazione che purtroppo la sanità pubblica non consente. Servono ben 75.000 € affinché Ahmed possa avere una speranza. Al momento sono stati raccolti poco più di 10.000 € – tantissimi, ma non abbastanza – e per questo chiediamo a tutti i nostri lettori di aiutarci a diffondere questo appello.

Come utilizzerà le donazioni Ahmed Barkhia, una volta superato il budget? Una volta arrivato a 75.000 € potrà eseguire l’operazione per entrambe le anche. Tutto il ricavato oltre i 75.000 € sarà donato ad una causa simile oppure alla ricerca sulle malattie congenite che attaccano le ossa.

Articoli correlati

Ultime News

Maltempo, agricoltura in ginocchio: primo bilancio pesantissimo

È cominciata la conta dei danni nelle campagne che da ieri piangono la perdita dell’allevatore Ilario Giuseppe Mannu di Bitti. L’agricoltura paga un tributo pesante...

Allerta meteo a San Gavino, le foto della Protezione Civile

L'allerta meteo diramata due giorni fa e poi prolungata a tutto il weekend ci ha fatto tornare indietro al 2013, quando l'alluvione Cleopatra colpì...

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

La vicina di casa “menefreghista” e noi positivi al Covid-19, la lettera di una mamma

Noi siamo una famiglia con bimbi. In questi tempi di coronavirus non abbiamo praticamente vita sociale, lavoriamo da casa, i nostri unici contatti derivano...