35.5 C
San Gavino Monreale
domenica, Luglio 12 2020

Flavio Mocci, un maestro di sport

Da leggere

Diabetologia e sanità sarda, il Consigliere Segretario Emanuele Cera scrive all’Assessore Nieddu

Il consigliere regionale Emanuele Cera, segretario del Consiglio Regionale, scrive una lettera all'Assessore Regionale alla Sanità Mario Nieddu, per portare all'attenzione dei...

Chen’e Sentidu, l’arte del Teatro sui social, per sorridere nonostante la quarantena

La compagnia teatroale Chen'e Sentidu ha realizzato una piccola commedia "a puntate" durante la quarantena. Lo scopo era quello di divertirsi e non restare...

“A Casa di Gio”: Riso Venere con Gamberi e Limone

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Invasione di miele straniero, Coldiretti: “Comprare miele sardo”

Crollo dell’80% della produzione e invasione di miele straniero (due barattoli su 3 sono importati) rischiano di far chiudere gli alveari sardi....

La scomparsa di Flavio Mocci, un carissimo amico, dolorosa è giunta inaspettata e lascia un vuoto incolmabile nella nostra comunità. Di assoluta integrità morale e civile, è stato un esempio, un maestro di scuola, di sport e di vita insegnando a intere generazioni di sangavinesi; umile e cordiale, mai fuori le righe, sempre disponibile a organizzare, collaborare e dare consigli.

L'insegnante Flavio Mocci
L’insegnante Flavio Mocci

Sin da giovanissimo è stato un promotore del CSI a San Gavino Monreale, collaborando con il fondatore Don Lisci, diventandone col tempo la colonna portante: prima atleta, poi arbitro, allenatore, dirigente, presidente e ricoprendo importanti incarichi a livello regionale e nazionale, raccogliendo sempre importanti riconoscimenti; sino alla sua scomparsa ricopriva la carica di vice-presidente del comitato provinciale del CSI.

Nel corso della sua carriera ha organizzato innumerevoli manifestazioni, promuovendo l’incontro e la socializzazione tra giovani e meno giovani.

Nella sua persona si è identificata la storia sportiva e professionale nella didattica degli ultimi 60 anni di San Gavino Monreale: per ripagare la sua immensa opera, sarebbe positivo che la nostra comunità gli intitolasse una scuola, una piazza, una via oppure un impianto sportivo.

Fonte: Marco Demelas, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Diabetologia e sanità sarda, il Consigliere Segretario Emanuele Cera scrive all’Assessore Nieddu

Il consigliere regionale Emanuele Cera, segretario del Consiglio Regionale, scrive una lettera all'Assessore Regionale alla Sanità Mario Nieddu, per portare all'attenzione dei...

Chen’e Sentidu, l’arte del Teatro sui social, per sorridere nonostante la quarantena

La compagnia teatroale Chen'e Sentidu ha realizzato una piccola commedia "a puntate" durante la quarantena. Lo scopo era quello di divertirsi e non restare...

“A Casa di Gio”: Riso Venere con Gamberi e Limone

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Invasione di miele straniero, Coldiretti: “Comprare miele sardo”

Crollo dell’80% della produzione e invasione di miele straniero (due barattoli su 3 sono importati) rischiano di far chiudere gli alveari sardi....

Ospedale di San Gavino, riprendono le attività sospese per l’emergenza coronavirus

A partire da lunedì 13 luglio 2020, nell'Ospedale Nostra Signora di Bonaria, riprenderanno in modo graduale tutte le attività temporaneamente sospese per...