16.6 C
San Gavino Monreale
martedì, 20 Ottobre 2020

Strage di migranti: lutto cittadino e una storia Sarda

Da leggere

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 20.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna: 18 attualmente positivi (+3 da ieri) di cui...

Studenti in sciopero: ecco le risposte dell’Assessorato Regionale ai Trasporti

Studenti dei licei di San Gavino Monreale e Villacidro in sciopero, per denunciare l'inadeguatezza del sistema dei trasporti regionale. Tra ieri e...

Cane sfortunato cerca famiglia prima dell’inverno

Questo sfortunato cagnolino cerca una famiglia che possa dargli cure e affetto. Un signore premuroso lo ha ritrovato nei pressi della sua...

Università della Terza Età, aperte le iscrizioni all’Anno Accademico 2020/21

L'età non deve essere considerata un limite per smettere di studiare ed al tempo stesso di imparare. È tenendo presente questo spirito...

Dopo la nuova strage di migranti nel Mediterraneo, ANCI Sardegna (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) ha chiesto a tutti i sindaci della Sardegna di proclamare per domani 21 aprile 2015 il lutto cittadino in tutti i Comuni dell’Isola.

Le bandiere a mezz’asta in contrapposizione al cinismo regnante nel nostro (bel?) Paese, sopraffatto dall’intolleranza verso i migranti e verso lo “straniero“. Negli ultimi giorni si sono susseguiti (per le strade, sui social, sulla stampa e persino in Parlamento) commenti di persone che festeggiavano per la morte di centinaia di esseri umani, colpevoli di scappare dalla guerra, dalla fame e da una vita miserevole.

Strage di migranti: lutto cittadino e una storia Sarda
Strage di migranti: lutto cittadino e una storia Sarda

Non siamo qui per dare un giudizio o per dare risposte a una tragedia così grande. Non abbiamo l’autorevolezza né la competenza necessaria, e spesso un commento o un articolo commemorativo rischia di dare l’impressione di uno sciacallaggio mediatico al quale non vogliamo prendere parte.

Vi lasciamo quindi a una storia tutta Sarda, vi parliamo di un nostro conterraneo che – nemmeno così tanti anni fa – era da questa parte del Mediterraneo. Ma non aveva la fortuna che abbiamo noi, quella di essere nati e cresciuti nella Sardegna nel 2015.

“Su Grillu” era un pescatore, amava il mare e la libertà.

Una notte il cognato piombò in casa e trafelato lo avvisò che il giorno dopo i fascisti sarebbero arrivati a fargliela pagare cara. “Su Grillu” quella camicia nera non la voleva proprio indossare. E questa volta lo avrebbero ucciso.

Così caricò sulla sua barca i suoi pochi averi, i figli, la moglie incinta, il cane e nel buio guadagnò il mare.

Quando giunse dopo tanti giorni sulle coste della Tunisia fu accolto dai pescatori del luogo che lo aiutarono a seppellire la moglie. “Su Grillu” non volle mai più tornare in Italia, morì tunisino.

Vi tornò 50 anni dopo il nipote e quando i vecchi di Sant’Antioco lo videro iniziarono a piangere riconoscendo in lui il volto del nonno.

(Nostra patria il mondo intero)

Altri articoli

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 20.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna: 18 attualmente positivi (+3 da ieri) di cui...

Studenti in sciopero: ecco le risposte dell’Assessorato Regionale ai Trasporti

Studenti dei licei di San Gavino Monreale e Villacidro in sciopero, per denunciare l'inadeguatezza del sistema dei trasporti regionale. Tra ieri e...

Cane sfortunato cerca famiglia prima dell’inverno

Questo sfortunato cagnolino cerca una famiglia che possa dargli cure e affetto. Un signore premuroso lo ha ritrovato nei pressi della sua...

Università della Terza Età, aperte le iscrizioni all’Anno Accademico 2020/21

L'età non deve essere considerata un limite per smettere di studiare ed al tempo stesso di imparare. È tenendo presente questo spirito...

Confartigianato Sardegna: appello a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio

Appello di Confartigianato Sardegna a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio. Matzutzi e Serra: “Abbiate buonsenso e siate...