18.6 C
San Gavino Monreale
sabato, 24 Ottobre 2020

“7 anni guardando avanti”, il libro che racconta il Centro Educativo per persone con disabilità

Emergenza sanitaria

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Coronavirus in Sardegna, è record assoluto di nuovi contagi: +349 nelle ultime 24 ore

Sono ben 349 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 23 ottobre 2020...

ASSL Sanluri, ecco come richiedere l’esito del tampone

Tramite il servizio online dell'ASSL di Sanluri è possibile richiedere l'esito del Tampone effettuato presso l'azienda sanitaria inviando una semplice mail all'indirizzo: refertitamponi.sanluri@atssardegna.it.

Emergenza Covid e l’imbuto del sistema sanitario, la ricetta del Dott. Emiliano Tatti

Una riflessione del Dott. Emiliano Tatti, medico ospedaliero che da 11 anni presta servizio come neurochirurgo presso l'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari,...

Villacidro, venerdì 23 ottobre Liceo Classico “Piga” chiuso in via precauzionale

La Sindaca di Villacidro Marta Cabriolu, essendo venuta a conoscenza in forma verbale dell'accertata positività al Coronavirus di un dipendente operante nell'Istituto,...

Fa sorridere, riflettere ed emozionare, a qualcuno farà sfuggire anche una lacrima. Hanno raccontato come sono usciti dall’isolamento, in che modo hanno imparato a socializzare, a coltivare un hobby o i rudimenti di un mestiere.

I ragazzi del Centro educativo diurno polivalente (CEDIP) del Plus di Sanluri si raccontano in un libro che racchiude pensieri, filastrocche, racconti di momenti, sensazioni. Un momento di crescita per i ragazzi ma anche per i loro familiari e gli operatori.

7 anni guardando avanti
7 anni guardando avanti

I libro dal titolo: “7 anni guardando avanti” racconta appunto questi primi 7 anni del CEDIP ed è stato scritto a più mani dai ragazzi affetti da piccoli o lievi deficit cognitivi, dai loro familiari familiari e dagli operatori del cento.

Il CEDIP (sedi a Ussaramanna, Serrenti e Serramanna) nasce nell’ambito del Plus di Sanluri, accoglie, per tre volte a settimana una sessantina di giovani adulti provenienti da 18 comuni.

Nasce da un progetto e da un’esigenza del territorio: quella di dare risposte e opportunità a persone con piccoli o lievi disturbi cognitivi e con difficoltà di inserimento e di integrazione.

In una società sempre più frenetica non ci si ferma più ad ascoltare, ancora meno se si tratta di persone con difficoltà psichiche più o meno importanti.

Spesso neppure le famiglie sanno come dare loro una mano e nella maggior parte dei casi si sentono abbandonate dalle istituzioni. Specie quando i loro congiunti hanno superato il periodo dell’obbligo scolastico e diventano maggiorenni. E allora, nella maggior parte dei casi, queste persone si chiudono in se stesse, tendono a non uscire di casa e a isolarsi.

“Il progetto CEDIP à finalizzato proprio all’inclusione sociale” – spiega l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Sanluri Donatella Steri – “l’esperienza fatta fino ad oggi ha permesso a questi ragazzi di uscire dalla solitudine partecipando alla vita sociale, sono coinvolti in attività e spesso ne sono protagonisti. In questi 7 anni il centro ha aiutato questi giovani a uscire rafforzati verso l’esterno e oggi svolgono un ruolo spesso da protagonisti in eventi culturali, sportivi e ludici del territorio”.

All’inizio per qualcuno non è stato facile, c’è voluta tanto lavoro da parte degli operatori del centro per conquistare la loro fiducia.

In questi anni hanno seguito e seguono una serie di laboratori e a attività: tra queste falegnameria, decoupage (soprattutto con la carta) cucito, ceramica,cucina, potatura. Ognuno segue i laboratori che più piacciono e per i quali si sentono portati. Ora partecipano a momenti sportivi, a fiere, realizzano partecipazioni e bomboniere. Non solo, hanno imparato a “preparare la valigia”. Prima piccole gite culturali di mezza giornata che poi sono diventate un giorno intero e poi anche un week end.

Articoli correlati

Ultime News

Coronavirus: firmata ordinanza per anticipo pensioni e indennità

Disposto il pagamento anticipato delle prestazioni previdenziali di novembre e dicembre. Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Contributi spese di trasporto, sostenute da cittadini con il riconoscimento dello stato di handicap grave

Allegati DETERMINA_Num_486__Allegato1_bando-2020Download DETERMINA_Num_486__Allegato2_MODULO-2020Download

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 23.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 25 attualmente positivi (+4 da ieri) di cui 24 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato con...