24.7 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Luglio 8 2020

No al Referendum, province sarde salve: in primavera le elezioni

Da leggere

Pensioni minime, alla Regione una richiesta di bonus straordinario

COLDIRETTI PENSIONATI. BONUS STRAORDINARIO PER LE PENSIONI MINIME Un bonus straordinario che equipari per quattro mesi le pensioni minime...

8 luglio, una panchina da colorare davanti al murale di Millo

Primo appuntamento con il progetto "In Panchina senza Riserve". Mercoledì 8 luglio, alle ore 17:00 in via Pascoli, dove il gruppo Non...

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Il primo effetto politico della vittoria del No al referendum è la resurrezione delle quattro storiche Province Sarde. La Costituzione ne prevede l’esistenza (sarebbero state eliminate se domenica avesse vinto il Sì) e la riforma varata dalla Regione non può cancellarle.

Provincia del Sud Sardegna
Provincia del Sud Sardegna

E le tanto poco amate (e mai abolite, nonostante il referendum del 2012) Province, si prendono la loro rivincita. In primavera, infatti, si eleggeranno i nuovi consigli provinciali, con una novità che ci riguarda.

Infatti, forse non tutti sanno che San Gavino Monreale si trova nella provincia del Sud Sardegna, istituita il 4 febbraio 2016, il che la rende la provincia più giovane d’Italia. Comprende i territori delle ex province di Carbonia-Iglesias e Medio Campidano, dismesse in conseguenza dei risultati dei referendum del 2012 in Sardegna, oltre ai comuni della provincia di Cagliari che non sono entrati a far parte dell’omonima città metropolitana e ai comuni di Genoni (precedentemente della provincia di Oristano) e Seui (precedentemente della provincia dell’Ogliastra). L’ente ha come capoluogo provvisorio Carbonia, il comune più popoloso del suo territorio.

Le Province di Sassari, Nuoro, Oristano e Sud Sardegna continueranno quindi a esistere come enti di secondo livello. In altre parole avranno un consiglio, un presidente, degli assessori, che si chiameranno consiglieri delegati. I componenti della Provincia saranno nominati (e non eletti, quindi, tramite tradizionali elezioni) tra i consiglieri dei Comuni del territorio.

Altri articoli

Ultime News

Pensioni minime, alla Regione una richiesta di bonus straordinario

COLDIRETTI PENSIONATI. BONUS STRAORDINARIO PER LE PENSIONI MINIME Un bonus straordinario che equipari per quattro mesi le pensioni minime...

8 luglio, una panchina da colorare davanti al murale di Millo

Primo appuntamento con il progetto "In Panchina senza Riserve". Mercoledì 8 luglio, alle ore 17:00 in via Pascoli, dove il gruppo Non...

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...