18.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, 23 Settembre 2021

No al Referendum, province sarde salve: in primavera le elezioni

Emergenza sanitaria

Il primo effetto politico della vittoria del No al referendum è la resurrezione delle quattro storiche Province Sarde. La Costituzione ne prevede l’esistenza (sarebbero state eliminate se domenica avesse vinto il Sì) e la riforma varata dalla Regione non può cancellarle.

Provincia del Sud Sardegna
Provincia del Sud Sardegna

E le tanto poco amate (e mai abolite, nonostante il referendum del 2012) Province, si prendono la loro rivincita. In primavera, infatti, si eleggeranno i nuovi consigli provinciali, con una novità che ci riguarda.

Infatti, forse non tutti sanno che San Gavino Monreale si trova nella provincia del Sud Sardegna, istituita il 4 febbraio 2016, il che la rende la provincia più giovane d’Italia. Comprende i territori delle ex province di Carbonia-Iglesias e Medio Campidano, dismesse in conseguenza dei risultati dei referendum del 2012 in Sardegna, oltre ai comuni della provincia di Cagliari che non sono entrati a far parte dell’omonima città metropolitana e ai comuni di Genoni (precedentemente della provincia di Oristano) e Seui (precedentemente della provincia dell’Ogliastra). L’ente ha come capoluogo provvisorio Carbonia, il comune più popoloso del suo territorio.

Le Province di Sassari, Nuoro, Oristano e Sud Sardegna continueranno quindi a esistere come enti di secondo livello. In altre parole avranno un consiglio, un presidente, degli assessori, che si chiameranno consiglieri delegati. I componenti della Provincia saranno nominati (e non eletti, quindi, tramite tradizionali elezioni) tra i consiglieri dei Comuni del territorio.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News