15.8 C
San Gavino Monreale
venerdì, 30 Ottobre 2020

San Gavino, che puzza nell’aria!

Emergenza sanitaria

San Gavino Monreale, da lunedì ripartono i prelievi in via Nurazzeddu

Si comunica che a partire da lunedì 2 novembre 2020 saranno riattivati i prelievi ematici per l'esecuzione di esami di laboratorio a...

Coronavirus, 29 ottobre: i dati dei contagi (+282) e dei guariti (+36) nelle ultime 24 ore

Aumentano ancora i positivi al Covid-19 in Sardegna. Non conosce tregua l'ondata del Coronavirus nella nostra Isola. I dati dell'unità di crisi...

Nuoro, un ospedale da campo per i pazienti Covid. E le alternative?

A Nuoro un ospedale da campo per i pazienti Covid! In queste ore si sta concludendo la costruzione di...

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Coronavirus, 27 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +174 nelle ultime 24 ore

Sono 174 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 27 ottobre 2020 continua...

Mai come in questi giorni è tornata di moda la vecchia, vecchissima, filastrocca “San Gavino Monreale tutta cacca di maiale tutta cacca di molente San Gavino puzzolente”.

Complice il vento, il centro abitato è ammorbato dal lezzo insopportabile di letame. Come ogni volta, si rincorrono le ipotesi più disparate nelle strade e sui social network (piazze virtuali che ormai hanno sostituito le piazze “reali”): c’è chi “accusa” la porcilaia, chi addirittura la fonderia, in tanti chiedono l’intervento delle autorità.

In realtà la soluzione sembrerebbe molto più semplice e da ricercarsi nel mondo dell’agricoltura: in questo periodo i campi vengono concimati in vista della stagione della semina, e immensi cumuli di letame vengono scaricati sui terreni in attesa di essere arati.

San Gavino, che puzza nell'aria!
San Gavino, che puzza nell’aria!

Come mostrato in una foto tratta dal gruppo “Sei di San Gavino se…” a testimonianza della tesi, grossi cumuli di letame possono causare forti odori che, quando il vento è favorevole, portano a San Gavino Monreale i miasmi che ogni anno suscitano le proteste dei cittadini.

Bisogna quindi armarsi di pazienza e aspettare che l’odore svanisca… fino alla prossima volta!

Articoli correlati

Ultime News

Olio extravergine, i cambiamenti climatici dimezzano le produzioni sarde

Per la stagione in corso si stima un – 45% ma l’olio sarà di altissima qualità. Sarà ancora il...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 29.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri) di cui 27 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato...

San Gavino Monreale, da lunedì ripartono i prelievi in via Nurazzeddu

Si comunica che a partire da lunedì 2 novembre 2020 saranno riattivati i prelievi ematici per l'esecuzione di esami di laboratorio a...

Coronavirus, 29 ottobre: i dati dei contagi (+282) e dei guariti (+36) nelle ultime 24 ore

Aumentano ancora i positivi al Covid-19 in Sardegna. Non conosce tregua l'ondata del Coronavirus nella nostra Isola. I dati dell'unità di crisi...