25.5 C
San Gavino Monreale
sabato, Luglio 11 2020

Danneggiamento per opera di ignoti alla nuova rotonda per Villacidro

Da leggere

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Pro Loco, un appello per fare gli acquisti a San Gavino Monreale

"Compra a San Gavino Monreale". Questo l'appello della Pro Loco di San Gavino Monreale che, per mezzo di Antonella Caboni, neo-presidente dell'associazione...

Dopo il coronavirus aumenta la povertà tra i pensionati

Pensionati ancora invisibili al Governo. Anche dalla Sardegna parte l’allarme verso le scelte Nazionali. La presa di posizione della Presidente di ANAP...

Via Pascoli, a San Gavino un nuovo meraviglioso murale firmato dallo street artist Millo

Il museo a cielo aperto di San Gavino Monreale si arricchisce con una nuova strepitosa opera d'arte. La firma è di Francesco...

Stamattina chi si è trovato a percorrere il tratto di strada che porta alla nuova rotonda per Villacidro si è trovato davanti a uno spettacolo davvero triste.

Danneggiamento per opera di ignoti alla nuova rotonda per Villacidro
Danneggiamento per opera di ignoti alla nuova rotonda per Villacidro

Ecco il comunicato dell’Amministrazione Comunale.

Nella notte tra l’11 e il 12 luglio ignoti hanno sottratto una striscia di circa 16 metri di manto erboso sintetico dalla nuova rotonda sorta in sostituzione della precedente intersezione a raso tra la Strada Statale 197 e la Strada Provinciale 61 via Villacidro.

Tale azione, probabilmente di natura puramente vandalica, oltre a rappresentare un gesto deprecabile, getta un’ombra di vergogna sulla nostra comunità.

Ciò è maggiormente vero nella misura in cui colpisce un progetto importantissimo, tanto da fare il paio con la realizzazione del nuovo ospedale in termini di attesa e portata. Non dimentichiamo infatti che il superamento dell’intersezione a quattro bracci è giunto, dopo lunghi decenni, a scongiurare finalmente una vera e propria calamità viaria: un numero altissimo di feriti gravi e decessi si è susseguito in quello che era stato tristemente ribattezzato “l’incrocio della morte”.

Di fronte a questo colpo amorale contro non una rotonda qualsiasi, ma LA rotonda, auspichiamo che la collettività si compatti ancor di più impegnandosi in una partecipazione attiva e virtuosa nella vita pubblica del paese.

Altri articoli

Ultime News

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Pro Loco, un appello per fare gli acquisti a San Gavino Monreale

"Compra a San Gavino Monreale". Questo l'appello della Pro Loco di San Gavino Monreale che, per mezzo di Antonella Caboni, neo-presidente dell'associazione...

Dopo il coronavirus aumenta la povertà tra i pensionati

Pensionati ancora invisibili al Governo. Anche dalla Sardegna parte l’allarme verso le scelte Nazionali. La presa di posizione della Presidente di ANAP...

Via Pascoli, a San Gavino un nuovo meraviglioso murale firmato dallo street artist Millo

Il museo a cielo aperto di San Gavino Monreale si arricchisce con una nuova strepitosa opera d'arte. La firma è di Francesco...

Aiutateci a ritrovare Mimì

Una gattina smarrita a San Gavino Monreale. Un appello della Lega Nazionale per la Difesa del Cane delegazione San Gavino Monreale, con...