#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Contus e contixeddus de bixinau

Oggi abbiamo ricevuto una “lettera” molto particolare. Ce l’ha mandata Baìngiu, nome sangavinese per eccellenza. Ci ha scritto, in sardo, una lettera che ci fa tornare indietro negli anni: ricorda un po’ i racconti dei nostri nonni. Si denota un pizzico di nostalgia, quasi come se al signor Baìngiu si inumidissero gli occhi, raccontandoci i tempi che furono.

Per questo abbiamo provato a immaginarlo, quasi come fosse possibile vederlo seduto su una panchina in Piazza Marconi, gesticolando animatamente e scrutandoci da sotto il suo cappello. Abbiamo preso “in prestito” uno schizzo del Maestro Fernando Marrocu, per provare a descriverlo così come è venuto in mente a noi.

Baìngiu - disegno di Fernando Marrocu

Baìngiu – disegno di Fernando Marrocu

E allora ci siamo messi comodi accanto a lui e abbiamo ascoltato il suo racconto – da appassionati di “contixeddus” della nostra terra – e abbiamo deciso di condividerlo con voi tutti.

“Sa Curiosidadi”

Passilla passilla, ascuttu e castiu sa genti mia.
Parentis, amigus, is piccioccheddus.
Castiu e ascuttu cun curiosidadi poitta un amigu mi naràda che issa esti sa crai po cumprendi tottu.
Sa curiosidadi candu sesi pippiu, aggiudada a connosci is coloris de su mundu.
Candu sesi prus mattuccu, issa permittidi de cumprendi cussu che non si bidi.
Duncasa, esti cun curiosidadi che castiu a sa Genti mia.
Arregodu che in jerru, candu fia giovineddu, giogaiausu a cattasa cun Ajaiu, seziusu accanta a sa ziminera allutta.
In su mentrisi Ajaia traballada is parafrittus in sa xivedda.
Candu fiada basca, ci si seziada a sa friscura a foras in bixinau.
Non ci fiada Iphone e Sky in cussus tempus e tra una brulla e satra, is boxis des bixinus potanta contus e contixeddus de bidda.
Arregodu che is mannus cristionanta des prusus importanti: su Sindigu, su Preidi, su Dottori e sa Farmacista, sa Maista e scolla, is Carabineris.
In noi puru, fueddendi de issus, scriu in mannu su nomini en soru, po su respettu che Ajaiu arraccontada fiada depiu.
In cussus tempus, no creu che sa vida fossidi prusu facilli.
Si traballada aberusu.
Non cumprendendi poitta, arregodu che “s’arrisu” fiada sa mexia po tuttus is cristionis, mannasa o pittiasa chi fossinti.
Si, sa genti arriada de coru.
In custas disi, passillendi, ascuttu scetti boxis de genti arrennegada.
Ma candu sa boxi esti fueddu, non si cumprendidi su logu de sa ragioni.
A domandai sa beridadi esti cosa manna, poitta in ogni brulla ci funti assummancu tresi beridadis.
S’ammigu miu de innanzisi mi naràda che issa s’agattada e andada ciccada in su mesu.
Inzasa, brulla brullendi, nisciunu s’arreneghidi se Baìngiu ogna tanti incarrerada a fueddai con sa boxi sua.
Si narada che sa curiosidadi faidi imbecciai allestru ma senza cristionisi si morri prima.
Duncasa salludus a tottus e ad atrus contus,

Baìngiu

Lascia un commento