#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Trigu e Murales

I nostri lettori ormai conoscono Baìngiu, arzillo “vecchietto” (così ci piace immaginarlo) che ha deciso di farci compagnia con i suoi “Contus e contixeddus de bixinau” sulle nostre pagine.

Baìngiu ci ha scritto per la terza volta, stavolta parlandoci dell’arte e delle battaglie che ci accomunano con i nostri fratelli ogliastrini. Con un occhio al presente, ma con uno sguardo rivolto al futuro dei nostri figli, tra le sue righe troviamo un accorato appello per il nostro paese.

Baìngiu - disegno di Fernando Marrocu

Baìngiu – disegno di Fernando Marrocu

Come di consueto, ci mettiamo seduti accanto a lui per ascoltare le sue parole, da appassionati di “contixeddus” della nostra terra.

“Trigu e Murales”

Castiendi a Domu mia,
passillendi pò is bixinaus de Bidda,
is ogus si prandinti de bellesas innantis an soru.

S’arregodus des tempus affriscaus cun is coloris de s’Arti,
fainti importanti sa facci des domus,
sa felicidade de medas ma no de tottus.

Allichidendi sa cosa nosta biveusu mellus,
narausu a is strangius sa Bidda chi pottausu in coru.
No creu che innantis a sa bellesa, s’onestadi no cumprendada traballu e amori.
In su mentrisi, ascuttai puru chi narada cosas differenti aggiudada a bivi in pari.

Sa Bidda esti de tottus,
cumprendi is boxis esti doveri des “Mannus” chi trabballant pò issa.
Pottai a sa patti cun su trigu,
faidi fillus e fillastus.

Bivi is cristionis importanti baddendi,
aggiudada scetti chi s’agattada accanta e nosu.
In custas disi su coru castiada a sa genti d’Ogliastra,
issa cumbattidi pò sa raxioni prus manna.

Is Sindicus bistiusu a fascia accanta as giovineddus,
Preidis cun Maistas de scolla,
zerrianta impari pò sa vida de s’Ospedalli en soru.
Forzisi Lanusei non esti aicci attesu,
a boxi manna, is fradis nostus ci naranta is cosas.

Forzisi is contus de Bidda,
funti des fillus chi pedinti de prusu impari a Festival e Murales,
su crasi de Sant’Engiu passada pò s’Ospidalli nostu puru.

Chena nu fueddu,
“Mannus” e pitticus amigus en soru
prandinti brullendi,
attendendi s’Artista de logu.

Se s’Arti esti bellesa e pò s’ogu,
arregodai che su crasi des fillus
arrechedidi “Conca”, “Traballu mannu” e “Coru”.

Chena s’arrennegai,
salludus a tottus e ad atrus contus,

Baìngiu

Lascia un commento