22.1 C
San Gavino Monreale
venerdì, 23 Ottobre 2020

Coronavirus, Massimo Galli: “Picco dell’epidemia non è imminente”

Emergenza sanitaria

Emergenza Covid e limbuto del sistema sanitario, la ricetta del Dott. Emiliano Tatti

Una riflessione Dott. Emiliano Tatti, medico ospedaliero che da 11 anni presta servizio come neurochirurgo presso l'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari, che...

Villacidro, venerdì 23 ottobre Liceo Classico “Piga” chiuso in via precauzionale

La Sindaca di Villacidro Marta Cabriolu, essendo venuta a conoscenza in forma verbale dell'accertata positività al Coronavirus di un dipendente operante nell'Istituto,...

Nessun caso di Covid-19 nel reparto di Ginecologia, “No a notizie infondate e lesive per l’Ospedale”

Basta gettare fango sull'ospedale di San Gavino. Sergio Pili, direttore dell'ospedale di San Gavino Monreale, non ha preso bene la notizia apparsa...

Coronavirus, tornano le autocertificazioni per gli spostamenti, ecco la nota del Viminale

È on line sul sito del Viminale il modulo di autodichiarazione che potrà essere esibito durante i controlli di polizia a giustificazione...

Coronavirus, chiesto un Consiglio Comunale urgente per fronteggiare l’emergenza

Una richiesta dei consiglieri di Minoranza e Gruppo Misto per la convocazione di un consiglio comunale per discutere e fronteggiare l'emergenza coronavirus...

Il professor Massimo Galli, responsabile del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ha spiegato perché rischiamo di dover aspettare ancora per raggiungere il “picco” dell’epidemia di Coronavirus: “Ci sono certamente persone che hanno un’infezione più blanda, non sono venute o non sono state incentivate a fare un test, stanno in casa loro, in giro per la Lombardia e non solo. Questo rende la discussione serale sui dati un esercizio retorico, e si prevede un picco che temo non sia così imminente. Conta certamente quanto fatto a livello di provvedimenti per il distanziamento sociale, ma molti dei diagnosticati di oggi sono stati probabilmente infettati molti giorni fa”.

In Lombardia infatti, sinora la strategia è stata quella di fare il tampone solo a chi è fortemente sintomatico. Questo ha fatto in modo che il tasso di mortalità in Italia sia tra i più alti del mondo, ma è solo per il campione scelto in partenza.

Sull’eventualità di esaminare tutta la popolazione, professor Massimo Galli è chiaro: “Fare tamponi a tappeto non può essere utile”, ma aggiunge anche che “fare più tamponi in questo momento serve per circoscrivere aree e situazioni particolari, capire cosa è successo in una determinata area ristretta dove c’è stato un numero di infezioni”.

Insomma, il problema è lungi dall’essere sulla via della soluzione. Prepariamoci a nuove e ulteriori misure del Governo Italiano, sia dal punto di vista sanitario che (si spera) di sostegno economico alle imprese.

Articoli correlati

Ultime News

Emergenza Covid e limbuto del sistema sanitario, la ricetta del Dott. Emiliano Tatti

Una riflessione Dott. Emiliano Tatti, medico ospedaliero che da 11 anni presta servizio come neurochirurgo presso l'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari, che...

Via Dante, giochi mortali nella nuova rotonda

Ragazzini che sfidano la morte. Questo l'agghiacciante racconto di Maria Ennas, che con una denuncia da brividi, descrive i "giochi" (anche se...

Villacidro, venerdì 23 ottobre Liceo Classico “Piga” chiuso in via precauzionale

La Sindaca di Villacidro Marta Cabriolu, essendo venuta a conoscenza in forma verbale dell'accertata positività al Coronavirus di un dipendente operante nell'Istituto,...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 22.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 21 attualmente positivi (+1 da ieri) di cui 20 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato con...