25.4 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 28 Luglio 2021

Coronavirus, primo caso di contagio a San Gavino Monreale

Emergenza sanitaria

Era solo questione di tempo. Anche San Gavino Monreale, purtroppo, deve registrare il primo caso di positività al virus Covid-19. Ecco il comunicato del Sindaco di San Gavino Monreale.


Gentili cittadini, vi informo che purtroppo è stato confermato, per le vie brevi, il primo caso positivo di contagio da Covid-19 a San Gavino Monreale.

Vi garantisco la costante attenzione all’evoluzione della situazione e il continuo raccordo con le autorità sanitarie competenti.

IL PROTOCOLLO di gestione dell’emergenza COVID-19 prevede, avendo noi già attivato il C.O.C. (Centro Operativo Comunale) dal 13/03/2020, che si ricostruisca la catena dei contatti tenuti dal soggetto risultato positivo.

Individuati i soggetti, gli organi competenti disporranno la quarantena o l’isolamento fiduciario delle persone coinvolte.

Le attività d’indagine e di censimento dei contatti avvengono a cura del personale addetto all’emergenza che contatterà telefonicamente i nostri concittadini presumibilmente coinvolti nel contagio o in grado di poter fornire informazioni in merito.

Le prime ore d’ attivazione del protocollo sono fondamentali per il buon esito delle attività.

A tale proposito si invita tutta la popolazione non impegnata in lavori di pubblica utilità o fornitura di beni e servizi essenziali a restare ASSOLUTAMENTE a casa, per la propria sicurezza e per accedere con maggior rapidità alle informazioni che verranno diramate.

Nelle prossime ore il C.O.C. comunicherà alla popolazione ulteriori aggiornamenti e, se necessario, emanare specifiche Ordinanze per gli adempimenti del caso.
Si ricorda infine che in base al DPCM del 11.03.2020 i cittadini possono spostarsi dalla propria abitazione solo per INDEROGABILI motivi di Lavoro, Salute ed estrema necessità.

Gli spostamenti sono consentiti esclusivamente nei termini previsti dal DPCM 22 marzo 2020 e precedenti, dalle ordinanze ministeriali e comunali emanate. Si raccomanda vivamente di verificare anche quelle emanate dall’amministrazione comunale dove ci si deve recare.

Tutte le attività lavorative permesse dovranno svolgersi con il criterio di massimo rigore nel garantire ed esigere il totale rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie.

Il Sindaco
Carlo Tomasi

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News