32.2 C
San Gavino Monreale
giovedì, 29 Luglio 2021

San Gavino Monreale, un numero di telefono della Caritas per accogliere le richieste di chi è in difficoltà

Emergenza sanitaria

In questi giorni si parla molto delle misure dello Stato per aiutare le fasce più deboli della popolazione in questi giorni complicati. Sono tante infatti le persone che guadagnavano da vivere con lavoretti giornalieri o saltuari, che adesso diventa impossibile svolgere a causa delle restrizioni sugli spostamenti.

Da sempre, al fianco dei più deboli, a San Gavino Monreale, c’è la Caritas Interparrocchiale, che lavora silenziosamente ma con con impegno e costanza. E anche durante la pandemia da Covid-19 fa sentire concretamente la propria presenza sul nostro territorio.

Pubblichiamo un comunicato del Gruppo coordinamento Caritas dell’Unità Pastorale con alcune informazioni utili per accedere ai servizi di sostegno per chi si trova in difficoltà e può trovare un porto sicuro a cui rivolgersi.


La Caritas Interparrocchiale con i suoi servizi (Centro d’ascolto – Mensa – Distribuzione beni prima necessità) in questi giorni di emergenza Coronavirus ha dovuto ripensare la sua organizzazione per permettere ai suoi assistiti e ai tanti volontari over 65 (che ringraziamo per il loro prezioso lavoro) di prendere un tempo di pausa e così rispettare le norme in materia di sicurezza e tutela della salute.

Il Centro d’Ascolto, non potendo accogliere in sede le persone, ha reso operativo per le urgenze il numero di telefono 376 0243064, attivo tutti i giorni (domeniche comprese) dalle ore 16:00 alle ore 18:00: gli operatori saranno disponibili ad accogliere le richieste che poi saranno gestite direttamente o indirizzate alla Mensa o al Centro Distribuzione, a seconda dei bisogni.

Grazie all’apporto dei giovani dell’Oratorio Interparrocchiale sia la consegna di una parte dei pasti – momentaneamente non cucinati nella struttura della Mensa per evitare tempi elevati di esposizione ai volontari – che la consegna delle derrate alimentari del Centro Distribuzione, viene effettuata a domicilio.

Tutti i volontari – che stanno svolgendo davvero un preziosissimo lavoro e che ringraziamo di cuore – operano in sicurezza utilizzando i presidi indicati dai decreti ministeriali.

Vi ringraziamo fin d’ora se vorrete condividere questo post per farlo giungere a chi può avere necessità in questo momento storico che mette un po’ tutti alla prova.

Il Gruppo coordinamento Caritas
dell’Unità Pastorale

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News