17 C
San Gavino Monreale
martedì, 24 Novembre 2020

Su Scravamentu ai tempi del coronavirus

Emergenza sanitaria

Coronavirus in Sardegna, 23 novembre: i dati dei contagi (+505) e dei guariti (+283) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 505 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 505 nuovi casi emersi dall'analisi di 2.589 tamponi e...

Coronavirus in Sardegna, 22 novembre: i dati dei contagi (+404) nelle ultime 24 ore. Altri 10 decessi

Covid-19, in Sardegna salgono a 18.493 i casi di positività da inizio pandemia. Dai dati diramati dall'unità di crisi regionale sono 404 i nuovi positivi...

Villacidro, 19 nuovi casi di Coronavirus: i casi salgono a 67

A Villacidro il bollettino Covid-19 si fa preoccupante. La sindaca Marta Cabriolu ha comunicato l'esplosione dei contagi nel paese: sono 19 i nuovi casi...

Rossella Pinna contro l’Assessorato alla Sanità: “Grave ritardo sull’attuazione della campagna vaccinale antinfluenzale”

"Siamo a novembre, in piena seconda ondata di Covid e di fatto la campagna vaccinale è solo accennata, i nostri concittadini più fragili e...

Coronavirus in Sardegna, 20 novembre: i dati dei contagi (+581) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, ancora 581 casi in Sardegna, aumentano i ricoveri. Non rallentano i contagi da Covid-19 nella nostra Regione, dai dati forniti dall'unità di crisi...

I riti della Settimana Santa sono tra quelli più importanti per la comunità cristiana, molto sentiti e momento di unione e fratellanza tra i fedeli. L’emergenza coronavirus ha stravolto le nostre abitudini quotidiane, e anche costretto la Chiesa a modificare alcune delle tradizioni per il bene della collettività.

A San Gavino Monreale, ad esempio, le Messe e le Preghiere vengono trasmesse in streaming, per raggiungere “a casa loro” i fedeli che non possono più recarsi in chiesa. Il venerdì santo da sempre è il giorno in cui si celebra la paraliturgia de “Su Scravamentu”, quest’anno “annullato” per ordine del Vescovo (così come tutte le celebrazioni simili nel resto della Sardegna) per evitare assembramenti.

È un simbolo dei tempi che stiamo vivendo. La tradizione de “Su Scravamentu” non si era mai fermata, nemmeno durante le Guerre Mondiali, ma questa pandemia ci pone davanti a difficoltà e rinunce del tutto inedite. Anche la tradizionale processione di Sant’Efisio a Cagliari (la più importante della Sardegna, per afflusso di pubblico) è stata annullata. Si tratta quindi di un fortissimo segnale da parte delle autorità ecclesiastiche (se vogliamo, anche civico ed educativo) che vogliono invitare la cittadinanza a restare in casa.

Vi riportiamo integralmente un articolo scritto per noi nel 2016 da Alberto Serra, esperto di storia e tradizioni sangavinesi.


Importante per la religiosità locale sono i riti della settimana santa (xida santa), che dal venerdì arrivano fino alla domenica di Pasqua.

A San Gavino Monreale è forte l’antica tradizione – che non si fermò nemmeno  in tempo di guerra e carestia – de su scravamentu (detto anche s’Iscravamentu – derivante dallo spagnolo desclavament – che significa, letteralmente “lo schiodamento” o “il discendimento” di  Cristo dalla Croce e la sua deposizione).

Legato a questo rito pasquale è la Confraternita di Santa Croce, che ha sede da molti secoli nell’oratorio che si trova all’interno della chiesa omonima.  Fino ad alcuni anni fa i resoconti delle molteplici attività svolte dalla confraternita erano tenute da un confratello denominato su clavariu: si chiama così in quanto egli, insieme a su cascieri e a s’obreri conservava le chiavi della cassa della Confraternita.

Ancora adesso si possono consultare tutti  i preziosi registri di questi resoconti. Questa confraternita, da tradizione, fu la prima ad essere istituita e i cui membri si tramandano tutt’ora  i segreti e i compiti. Fondata presumibilmente (come supponeva Raimondo Porru a metà del XIX secolo) con la costruzione dell’edificio religioso (circa XVI secolo), la confraternita svolgeva diversi ruoli all’interno della comunità locale.

Per quanto riguarda il rito de su scravamentu si è soliti usare – ancora oggi – un grande crocifisso in legno di ginepro scolpito e lavorato da Francesco Melis nel 1745, oltre a costumi di pregiata fattura. L’intero rito rappresenta la deposizione di Gesù dalla croce: i confratelli portano in processione il simulacro del Cristo fino alla chiesa parrocchiale di Santa Chiara Vergine. Qui vi allestiscono un palco e con due scale schiodano il Cristo dalla sua Croce e lo depongo, con sommo rispetto, in una antica lettiera.

Nella mattina di Pasqua, dopo la veglia, l’effige del Cristo Risorto viene portato in processione per quello che viene chiamato s’Incontru – ovvero l’incontro – tra il Cristo e la Madonna della Pietà. Durante la processione i fedeli cantano, con estrema partecipazione, il Miserere in sardo (detto anche salmo 51 o 50 secondo la numerazione greca, durante il quale i fedeli esprimono pentimento e invocano la misericordia divina).

Ma chi sono i protagonisti della vicenda impersonati dai membri della confraternita in costume? Spiccano tra tutti Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo, oltre ai tanti giudei. Giuseppe fu – secondo i Vangeli – un ricco uomo che si convertì alla causa di Gesù e membro del Sinedrio, che chiese a Ponzio Pilato di poter prelevare il corpo di Cristo per poterlo seppellire. Egli, insieme a Nicodemo – anch’esso discepolo – lo deposero dalla croce e lo avvolsero nel sudario di lino (Sindon in greco).

Alberto Serra

Per approfondire:
CASTI A, Santu ‘Engiu arrogus de storia, 1997.
GIACU A, Oltre l’incendio, il manoscritto “porru”, 2003.
Wikipedia, 2016.

Su scravamentu
Su scravamentu

Articoli correlati

Ultime News

Cagnolino smarrito: aiutateci a ritrovare Leo!

Stamattina abbiamo ricevuto questa lettera di aiuto per trovare un bel cagnolino che sembra aver smarrito la strada di casa. Questa mattina, il cagnolino di...

Giornata contro la violenza sulle Donne, il programma del 25 novembre

Mercoledì 25 novembre ricorre la giornata internazionale del contrasto alla violenza sulle donne. L'Amministrazione comunale di San Gavino Monreale, Assessorato alle Pari Opportunità, in...

Un questionario online sull’utilizzo dei social media da parte dei giovani

Conoscere l'utilizzo dei social tra gli adolescenti è fondamentale per comprenderli meglio e capire come raggiungere quel target mediante campagne online di sensibilizzazione o...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 23.11.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 35 attualmente positivi (+2 da ieri) di cui 35 in isolamento domiciliare e nessuno ricoverato con sintomi.• 25 persone in quarantena (oltre i positivi...