22.8 C
San Gavino Monreale
sabato, 19 Settembre 2020

Su Scravamentu ai tempi del coronavirus

Da leggere

Comune di San Gavino Monreale: modalità per il rilievo Incongruenze dello strumento urbanistico

Gentile Concittadino,se la tua Unità Edilizia ubicata FUORI DAL CENTRO MATRICE del Piano particolareggiato del centro storico presenta delle...

Buche “con sorpresa” a San Gavino Monreale, quando la realtà supera la fantasia

Può una buca nell'asfalto rivelare "una sorpresa" tale da far scrivere un articolo originale su una testata giornalistica? Difficile, dato che -...

Comune di San Gavino Monreale: avviso sostituzione contatori energia elettrica

Al via l’installazione dei contatori elettronici #OpenMeter di seconda generazione a cura di @edistribuzione.

E-distribuzione, a San Gavino Monreale arrivano i contatori di ultima generazione

In questi giorni San Gavino Monreale è stata letteralmente tappezzata di volantini della società e-distribuzione che annuncia la sostituzione dei contatori elettrici...

I riti della Settimana Santa sono tra quelli più importanti per la comunità cristiana, molto sentiti e momento di unione e fratellanza tra i fedeli. L’emergenza coronavirus ha stravolto le nostre abitudini quotidiane, e anche costretto la Chiesa a modificare alcune delle tradizioni per il bene della collettività.

A San Gavino Monreale, ad esempio, le Messe e le Preghiere vengono trasmesse in streaming, per raggiungere “a casa loro” i fedeli che non possono più recarsi in chiesa. Il venerdì santo da sempre è il giorno in cui si celebra la paraliturgia de “Su Scravamentu”, quest’anno “annullato” per ordine del Vescovo (così come tutte le celebrazioni simili nel resto della Sardegna) per evitare assembramenti.

È un simbolo dei tempi che stiamo vivendo. La tradizione de “Su Scravamentu” non si era mai fermata, nemmeno durante le Guerre Mondiali, ma questa pandemia ci pone davanti a difficoltà e rinunce del tutto inedite. Anche la tradizionale processione di Sant’Efisio a Cagliari (la più importante della Sardegna, per afflusso di pubblico) è stata annullata. Si tratta quindi di un fortissimo segnale da parte delle autorità ecclesiastiche (se vogliamo, anche civico ed educativo) che vogliono invitare la cittadinanza a restare in casa.

Vi riportiamo integralmente un articolo scritto per noi nel 2016 da Alberto Serra, esperto di storia e tradizioni sangavinesi.


Importante per la religiosità locale sono i riti della settimana santa (xida santa), che dal venerdì arrivano fino alla domenica di Pasqua.

A San Gavino Monreale è forte l’antica tradizione – che non si fermò nemmeno  in tempo di guerra e carestia – de su scravamentu (detto anche s’Iscravamentu – derivante dallo spagnolo desclavament – che significa, letteralmente “lo schiodamento” o “il discendimento” di  Cristo dalla Croce e la sua deposizione).

Legato a questo rito pasquale è la Confraternita di Santa Croce, che ha sede da molti secoli nell’oratorio che si trova all’interno della chiesa omonima.  Fino ad alcuni anni fa i resoconti delle molteplici attività svolte dalla confraternita erano tenute da un confratello denominato su clavariu: si chiama così in quanto egli, insieme a su cascieri e a s’obreri conservava le chiavi della cassa della Confraternita.

Ancora adesso si possono consultare tutti  i preziosi registri di questi resoconti. Questa confraternita, da tradizione, fu la prima ad essere istituita e i cui membri si tramandano tutt’ora  i segreti e i compiti. Fondata presumibilmente (come supponeva Raimondo Porru a metà del XIX secolo) con la costruzione dell’edificio religioso (circa XVI secolo), la confraternita svolgeva diversi ruoli all’interno della comunità locale.

Per quanto riguarda il rito de su scravamentu si è soliti usare – ancora oggi – un grande crocifisso in legno di ginepro scolpito e lavorato da Francesco Melis nel 1745, oltre a costumi di pregiata fattura. L’intero rito rappresenta la deposizione di Gesù dalla croce: i confratelli portano in processione il simulacro del Cristo fino alla chiesa parrocchiale di Santa Chiara Vergine. Qui vi allestiscono un palco e con due scale schiodano il Cristo dalla sua Croce e lo depongo, con sommo rispetto, in una antica lettiera.

Nella mattina di Pasqua, dopo la veglia, l’effige del Cristo Risorto viene portato in processione per quello che viene chiamato s’Incontru – ovvero l’incontro – tra il Cristo e la Madonna della Pietà. Durante la processione i fedeli cantano, con estrema partecipazione, il Miserere in sardo (detto anche salmo 51 o 50 secondo la numerazione greca, durante il quale i fedeli esprimono pentimento e invocano la misericordia divina).

Ma chi sono i protagonisti della vicenda impersonati dai membri della confraternita in costume? Spiccano tra tutti Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo, oltre ai tanti giudei. Giuseppe fu – secondo i Vangeli – un ricco uomo che si convertì alla causa di Gesù e membro del Sinedrio, che chiese a Ponzio Pilato di poter prelevare il corpo di Cristo per poterlo seppellire. Egli, insieme a Nicodemo – anch’esso discepolo – lo deposero dalla croce e lo avvolsero nel sudario di lino (Sindon in greco).

Alberto Serra

Per approfondire:
CASTI A, Santu ‘Engiu arrogus de storia, 1997.
GIACU A, Oltre l’incendio, il manoscritto “porru”, 2003.
Wikipedia, 2016.

Su scravamentu
Su scravamentu

Altri articoli

Ultime News

Comune di San Gavino Monreale: modalità per il rilievo Incongruenze dello strumento urbanistico

Gentile Concittadino,se la tua Unità Edilizia ubicata FUORI DAL CENTRO MATRICE del Piano particolareggiato del centro storico presenta delle...

Buche “con sorpresa” a San Gavino Monreale, quando la realtà supera la fantasia

Può una buca nell'asfalto rivelare "una sorpresa" tale da far scrivere un articolo originale su una testata giornalistica? Difficile, dato che -...

Comune di San Gavino Monreale: avviso sostituzione contatori energia elettrica

Al via l’installazione dei contatori elettronici #OpenMeter di seconda generazione a cura di @edistribuzione.

E-distribuzione, a San Gavino Monreale arrivano i contatori di ultima generazione

In questi giorni San Gavino Monreale è stata letteralmente tappezzata di volantini della società e-distribuzione che annuncia la sostituzione dei contatori elettrici...

Orto Bio Fest 2020, una domenica “green” a San Gavino Monreale

La manifestazione Orto Bio Fest giunge alla sua quarta edizione in questo 2020. Domenica 20 settembre, in vico Oristano a San Gavino...