18.3 C
San Gavino Monreale
giovedì, 1 Ottobre 2020

Rimedi contro l’insonnia: 5 metodi efficaci

Da leggere

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 30.09.2020

Per una maggiore chiarezza rispetto alla situazione epidemiologica del nostro Paese si comunica un aggiornamento che riepiloghi...

Convocazione Consiglio Comunale – 30 settembre 2020 ore 20:00 – trasmesso in diretta streaming

Si invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria  per il giorno...

La Monreal Soccorso compie 4 anni

L'associazione di volontariato Monreal Soccorso compie 4 anni di vita. Per celebrare l'evento in questi mesi complicati - soprattutto per chi si...

Villacidro in emergenza Covid-19: ecco la nuova ordinanza restrittiva della sindaca Marta Cabriolu

Villacidro piomba nell'incubo coronavirus. Dopo i tre nuovi casi di positività riscontrati in giornata, con altri nove cittadini in attesa di tampone...

Chi non ha mai sofferto di insonnia? È sufficiente trascorrere poche notti insonni per capire cosa prova chi è affetto da questo disturbo. Dormire male, o peggio, non dormire affatto, può generare gravi problemi di natura neurovegetativa e persino forme gravi di ansia e depressione. Per fortuna, è possibile rimediare al problema ricorrendo ad alcuni aiuti in grado di contrastare o prevenire efficacemente l’insonnia. Esistono parecchie piante, assumibili tramite infusi, tisane e oli essenziali, in grado di rilassare corpo e mente, stimolando il sonno. Tra questi lavanda, biancospino, luppolo, tiglio e CBD estratto della canapa. Per scoprire le caratteristiche e le proprietà di quest’ultima sostanza, del tutto naturale e priva di effetti collaterali, è possibile leggere un approfondimento sul sito Enciclopediacannabis.it. Ma ora scopriamo in che modo alleviare un disturbo come l’insonnia, in grado di peggiorare la qualità della vita di chiunque ne soffra.

Filipendula Ulmaria, Reina De Los Prados

Prediligere i pasti frugali


Chi soffre di insonnia dovrebbe assumere la maggior parte delle calorie e dei nutrienti durante la prima parte della giornata. A cena, invece, è preferibile mantenersi il più leggeri possibile, evitando tutti gli alimenti che sollecitano negativamente il metabolismo. Che tradotto vuol dire: no alla pasta, alle patate, al pane, ai dolci, al caffè e agli alcolici. Meglio orientarsi, invece, su proteine animali e verdure, quindi via libera a carni bianche, uova, pesce, legumi e vegetali. In questo modo, lo stomaco sarà costretto a lavorare meno e il metabolismo verrà sollecitato in maniera costruttiva, grazie a una quota importante di aminoacidi e vitamine.

Sorseggiare una tisana prima di coricarsi


Prima di andare a dormire è possibile concedersi una tisana calda e rilassante, con proprietà ipnoinducenti. Le bevande calde coccolano lo stomaco e rilassano le membra; inoltre, sono benefiche anche per la psiche, soprattutto durante la stagione invernale. Per massimizzare l’effetto rilassante, sarà meglio optare per una miscela di “erbe della buonanotte”, in grado di limitare gli stati ansiosi. Infiorescenze di luppolo, foglie e fiori di biancospino, fiori di Tiglio, lavanda e liquirizia hanno le proprietà giuste per calmare e stimolare il sonno. È possibile assumere 2 grammi di questa miscela al giorno, dopo averla messa in infusione in un tazza d’acqua bollente per circa 10 minuti.

Melatonina con zinco e magnesio


Una ricerca su melatonina e zinco condotta da un’equipe dell’Università di Pavia ha valutato l’effetto di queste sostanze sui disturbi del sonno. Allo studio in questione ha preso parte un campione formato da 43 pazienti geriatrici affetti da insonnia primaria. La qualità del sonno è stata poi valutata tramite alcuni questionari già riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale; nei pazienti che avevano assunto l’integratore è stata evidenziata una qualità del sonno nettamente migliore rispetto a coloro che avevano ricevuto placebo.

L’olio di CBD


Estratto dalla pianta della canapa, il CBD (cannabidiolo) è una sostanza con proprietà analgesiche, antinfiammatorie e rilassanti. L’elevato contenuto di terpeni e cannabinoidi, infatti, influisce su alcuni recettori presenti nel cervello, inclusi quelli della glicina, in grado di regolare la produzione di serotonina, l’ormone del buonumore.

Altri articoli

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 30.09.2020

Per una maggiore chiarezza rispetto alla situazione epidemiologica del nostro Paese si comunica un aggiornamento che riepiloghi...

Convocazione Consiglio Comunale – 30 settembre 2020 ore 20:00 – trasmesso in diretta streaming

Si invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria  per il giorno...

La Monreal Soccorso compie 4 anni

L'associazione di volontariato Monreal Soccorso compie 4 anni di vita. Per celebrare l'evento in questi mesi complicati - soprattutto per chi si...

Villacidro in emergenza Covid-19: ecco la nuova ordinanza restrittiva della sindaca Marta Cabriolu

Villacidro piomba nell'incubo coronavirus. Dopo i tre nuovi casi di positività riscontrati in giornata, con altri nove cittadini in attesa di tampone...

“Cagliari 1970 – Tracce Oltre la Leggenda”, il nuovo lavoro delle Chine Vaganti

Nel 2020 cadono i cinquant’anni dal leggendario scudetto della squadra di Gigi Riva. Per raccontare quegli anni, l'Associazione Culturale Chine Vaganti presenta...