12.6 C
San Gavino Monreale
sabato, 17 Aprile 2021

Dalla Diocesi di Ales-Terralba un grande dono per sostenere la Raccolta Fondi per l’Ospedale

Emergenza sanitaria

Gesto di grande solidarietà da parte della Diocesi di Ales-Terralba, che ha voluto offrire il suo sostegno alla Grande raccolta fondi per l’Ospedale di San Gavino, oggi più che mai preziosa per tutto il nostro territorio.

A nome del Vescovo Padre Roberto Carboni, dei sacerdoti e della Comunità diocesana è infatti arrivato un contributo di 20.000 euro da destinare alla raccolta fondi per il nostro ospedale, lanciata sul nostro sito il 23 marzo e sostenuta da decine di associazioni e cittadini.

Questa somma è stata versata interamente, mediante bonifico, sul conto dell’Associazione AVIS San Gavino Monreale, e andrà a sommarsi agli oltre 32.500 euro raggiunti sinora dalla raccolta online. Siamo dunque arrivati (al momento) alla ragguardevole cifra complessiva di 52.552 euro, traguardo che ci emoziona e ci rende orgogliosi.

Perché la scelta del conto dell’AVIS San Gavino Monreale?

Come spiegato nella descrizione della raccolta, su suggerimento di esperti fiscalisti abbiamo deciso di non far transitare i soldi della raccolta fondi nel conto personale di nessuno degli interessati, quindi abbiamo scelto di utilizzare come conto transitorio quello dell’AVIS di San Gavino (una delle associazioni promotrici dell’iniziativa, il cui presidente è Diego Cotza). Ogni prelievo sarà prontamente documentato. Useremo poi il conto corrente dell’AVIS per effettuare il pagamento all’azienda. Anche in questo caso, ovviamente, sarà tutto prontamente effettuato con rendiconto del bonifico, fattura dell’azienda e le classiche foto di consegna dell’attrezzatura all’ospedale “Nostra Signora di Bonaria” di San Gavino Monreale.

Nota a margine, ma non trascurabile, ricevere una somma così importante mediante un bonifico, ci permette di “risparmiare” circa 700 euro di commissioni alla piattaforma GoFundMe.

Ringraziamo sentitamente il Vescovo Padre Roberto Carboni, i sacerdoti e tutta la Comunità diocesana di Ales-Terralba per il sostegno e la fiducia riposta nei promotori di questa iniziativa.

Grazie!

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News