14.8 C
San Gavino Monreale
venerdì, 30 Ottobre 2020

Riaperture, anche il Codacons impugna le ordinanze regionali

Emergenza sanitaria

San Gavino Monreale, da lunedì ripartono i prelievi in via Nurazzeddu

Si comunica che a partire da lunedì 2 novembre 2020 saranno riattivati i prelievi ematici per l'esecuzione di esami di laboratorio a...

Coronavirus, 29 ottobre: i dati dei contagi (+282) e dei guariti (+36) nelle ultime 24 ore

Aumentano ancora i positivi al Covid-19 in Sardegna. Non conosce tregua l'ondata del Coronavirus nella nostra Isola. I dati dell'unità di crisi...

Nuoro, un ospedale da campo per i pazienti Covid. E le alternative?

A Nuoro un ospedale da campo per i pazienti Covid! In queste ore si sta concludendo la costruzione di...

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Coronavirus, 27 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +174 nelle ultime 24 ore

Sono 174 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 27 ottobre 2020 continua...

Negli ultimi giorni abbiamo parlato più volte del conflitto tra DPCM di Giuseppe Conte (che ha fissato il 18 maggio come data di riapertura per molte attività ancora chiuse) e l’ordinanza regionale di Christian Solinas (che le anticipa all’11 maggio, delegandone ai sindaci le responsabilità).

Oggi anche il Codacons ha fatto ricorso (qui il testo integrale) contro le ordinanze regionali di Veneto e Lombardia (che come quelle della Regione Sardegna, divergono dal DPCM), aggiungendo ulteriore caos a una situazione già problematica. Anche Francesco Boccia, Ministro per gli Affari regionali e Autonomie, aveva infatti minacciato di impugnare l’ordinanza di Solinas.

Ora si dovrà pronunciare la Corte Costituzionale: nella giornata di ieri, sulla Gazzetta Ufficiale, è stato pubblicato il ricorso promosso dal Codacons per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, con cui si contestano le ordinanze delle singole regioni che vorrebbero adottare normative differenti da quelle previste dal DPCM nazionale.

Come si legge sul sito Codacons.it infatti, “la tesi dell’associazione è che le regole sulle misure in vigore durante la fase 2 debbano essere stabilite dallo Stato e valere in modo identico su tutto il territorio nazionale, perché in caso contrario non solo si verificherebbero discriminazioni a danno dei cittadini, ma si realizzerebbero pesanti violazioni delle regole della Costituzione. In particolare le ordinanze con cui le Regioni procedono in ordine sparso violano gli artt.117 e 120 della Costituzione, che riservano allo Stato materie come la profilassi internazionale, l’ordine pubblico e la sicurezza, la salute e l’economia nazionale”.

Cosa accadrà ora? Impossibile prevederlo, il caos istituzionale è ai massimi livelli: non ci resta che aspettare, per capire, nelle prossime ore, se ci saranno novità.

Articoli correlati

Ultime News

Olio extravergine, i cambiamenti climatici dimezzano le produzioni sarde

Per la stagione in corso si stima un – 45% ma l’olio sarà di altissima qualità. Sarà ancora il...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 29.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri) di cui 27 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato...

San Gavino Monreale, da lunedì ripartono i prelievi in via Nurazzeddu

Si comunica che a partire da lunedì 2 novembre 2020 saranno riattivati i prelievi ematici per l'esecuzione di esami di laboratorio a...

Coronavirus, 29 ottobre: i dati dei contagi (+282) e dei guariti (+36) nelle ultime 24 ore

Aumentano ancora i positivi al Covid-19 in Sardegna. Non conosce tregua l'ondata del Coronavirus nella nostra Isola. I dati dell'unità di crisi...