29.7 C
San Gavino Monreale
martedì, 15 Giugno 2021

Candu sa nexi esti mia

Emergenza sanitaria

I nostri lettori ormai conoscono Baìngiu, arzillo “vecchietto” (così ci piace immaginarlo) che ha deciso di farci compagnia con i suoi “Contus e contixeddus de bixinau” sulle nostre pagine.

Baìngiu ci ha scritto ancora una volta, parlandoci delle cose importanti della vita, come la libertà di parola e di espressione. Ma non solo, di come la mancata espressione di questa libertà – che diventa quasi un dovere civile e morale – ci collochi nell’Inferno Dantesco, nel girone degli ignavi.

Come di consueto, ci mettiamo seduti accanto a lui per ascoltare le sue parole, da appassionati di “contixeddus” della nostra terra.

“Candu sa nexi esti mia”

In custa Vida ci funti medas cosas chi no podeusu decidi.
No podeusu decidi sa famiglia in cui nasci,
non esti cosa nosta pedì su logu in cui cresci,
de prusu, su tempus in cui bivi.
No pottausu fueddus puru pò su colori de sa peddi.
Ma cun su tempus, prus mattuccus, teneusu s’opportunidadi de nai.
A Scolla in mesu a s’amigus, in sa famiglia pottàda da Deusu.
Aicci in su traballu, in su bixinau in cui biveusu.
Su fueddu esti sa libertade nosta.
Pottai fueddu nàrada essi pari as attrus,
fueddausu pò narai chi seusu.
Pottai “fueddu” esti bivi,
ma s’arregodidi in ogna logu e pò essi àicci,
s’arrechedidi cuscentia,
si pedidi coerentia.
Innantis as cristionis importantis, fueddai esti dirittu,
cummenti comunidadi, esti sempri doveri.
In su rispettu de tottus, cun su fueddu nostu,
narausu medas cosas,
donausu puru is responsabilidadis nostas.
Su Poeta mannu, in sa Commedia
pottàda fueddus pò genti de s’Inferru.
Custus fianta peccadoris,
in sa vida no fainta né su beni né su mau.
Genti chi non fueddàda,
no pottàda sentidu in soru e si fadiada praxi tottu,
tottu cussu chi arrechediada su prus fotti.
Pò Issu, custus non meritànta Paradisu ma nimmancu s’Inferru.
Candu si deppidi pottai sentidu pò tottus,
aicci candu deppeusu narai in cuscentia cussu chi andàda o prusu itta no andàda,
cun is ogus da sattra patti e chena nu fueddu,
poitta amigus o peusu pò prudentia,
parreusu is peccadoris de sa Commedia.
Genti chi curridi chena bistimmenta, spizzuausu de vespis,
o cummenti naràda su Poeta: “Sciagurati che mai non fur vivi”.
“Anime triste di color che visser sanza ‘nfamia e sanza lodo”.

Salludus a tottus e ad atrus contus,

Baìngiu

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News