25.2 C
San Gavino Monreale
sabato, Luglio 11 2020

San Gavino riscopre la passione per l’archeologia e la storia

Da leggere

Invasione di miele straniero, Coldiretti: “Comprare miele sardo”

Crollo dell’80% della produzione e invasione di miele straniero (due barattoli su 3 sono importati) rischiano di far chiudere gli alveari sardi....

Ospedale di San Gavino, riprendono le attività sospese per l’emergenza coronavirus

A partire da lunedì 13 luglio 2020, nell'Ospedale Nostra Signora di Bonaria, riprenderanno in modo graduale tutte le attività temporaneamente sospese per...

Allerta incendi in Sardegna: sabato 11 luglio bollino arancione

Le alte temperature hanno indotto la Protezione Civile a emanare un bollettino di previsione di pericolo incendio per la giornata di oggi...

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Un gruppo di oltre 500 persone col desiderio di recuperare e valorizzare il patrimonio storico culturale di San Gavino Monreale in tutte le sue possibili declinazioni, dall’archeologia alla letteratura, passando per l’arte, l’architettura, l’urbanistica, la musica, fino alle tradizioni locali.

Questa la mission del Comitato recupero e valorizzazione patrimonio storico culturale San Gavino che nelle intenzioni degli ideatori, Stefano Altea e Nicola Orrù, sarà “un luogo di discussione e dialogo per costruire, elaborare e condividere iniziative, progetti, manifestazioni per diffondere e tramandare le nostre origini e la nostra cultura”.

E così la piattaforma social più cliccata del mondo diventa “contenitore” di foto, documenti e approfondimenti sulla storia millenaria del nostro territorio. Ognuno può dare il proprio contributo e assecondare la sete di conoscenza degli altri iscritti.

Abbiamo sentito Stefano Altea, uno degli ideatori di questo movimento culturale, per chiedergli qualche dettaglio aggiuntivo. “Il nuovo gruppo – fa sapere Altea – che in due giorni ha già radunato più di 500 membri, dimostrando il grande interesse al tema della cittadinanza, nasce per il recupero e la valorizzazione del patrimonio storico culturale di San Gavino al fine di permetterne una riscoperta e preservazione”.

Non solo idee astratte però, si punta a un obiettivo pratico. “La prima proposta concreta, che ha dato peraltro spunto all’iniziativa, – conclude Altea – è l’idea di realizzare un’esposizione dei beni archeologici e storici che sono in possesso del Comune e potranno essere oggetto di recupero e studio per esaltare la memoria delle nostre origini”.

Altri articoli

Ultime News

Invasione di miele straniero, Coldiretti: “Comprare miele sardo”

Crollo dell’80% della produzione e invasione di miele straniero (due barattoli su 3 sono importati) rischiano di far chiudere gli alveari sardi....

Ospedale di San Gavino, riprendono le attività sospese per l’emergenza coronavirus

A partire da lunedì 13 luglio 2020, nell'Ospedale Nostra Signora di Bonaria, riprenderanno in modo graduale tutte le attività temporaneamente sospese per...

Allerta incendi in Sardegna: sabato 11 luglio bollino arancione

Le alte temperature hanno indotto la Protezione Civile a emanare un bollettino di previsione di pericolo incendio per la giornata di oggi...

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Pro Loco, un appello per fare gli acquisti a San Gavino Monreale

"Compra a San Gavino Monreale". Questo l'appello della Pro Loco di San Gavino Monreale che, per mezzo di Antonella Caboni, neo-presidente dell'associazione...