22.6 C
San Gavino Monreale
domenica, 25 Ottobre 2020

Estate, tornano gli incendi: fuoco nelle campagne di San Gavino Monreale

Emergenza sanitaria

Coronavirus, Conte prepara il nuovo DPCM: stop a palestre e cinema, chiusura dei ristoranti alle 18 e stretta sul weekend

Lungo vertice a Palazzo Chigi tra il Giuseppe Conte e i capi delegazione per ragionare sulla nuova stretta per il coronavirus. Tra...

Coronavirus, salgono ancora i contagi in Sardegna: +329 nelle ultime 24 ore

Sono 329 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 4 ottobre 2020 continua...

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Coronavirus in Sardegna, è record assoluto di nuovi contagi: +349 nelle ultime 24 ore

Sono ben 349 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 23 ottobre 2020...

Arriva l’estate e in Sardegna torna l’incubo incendi. Nel primo pomeriggio di oggi, una colonna di fumo si è sollevata in località S’Arrideli, a San Gavino Monreale.

Sul posto presente da subito l’assessore alla Protezione Civile Libero Lai, gli agenti del Corpo Forestale, i Vigili del Fuoco della compagnia di Sanluri, i Carabinieri della locale stazione di San Gavino, la polizia municipale e la Protezione Civile di San Gavino Monreale.

Nelle prossime ore si farà la conta dei danni. Purtroppo, dalle prime notizie che arrivano dalle persone presenti sul posto, potrebbero essere stati interessati dalle fiamme diversi alberi da frutto e terreni privati.

Fortissima ed evocativa, l’immagine dell’incendio che emerge dal racconto di Martina Corona e Roberto Espis, titolari dell’azienda AL.MA TERRA MADRE, che hanno visto le fiamme lambire i loro terreni e mandare in fumo il raccolto dei vicini: “Da un giorno all’altro ti ritrovi con il lavoro di un anno andato in fumo… Ecco una delle tante ragioni perché la mietitura non può aspettare. È un momento di gioia, si raccolgono i frutti finalmente.. Il grano è pronto per essere raccolto, ma anche per essere bruciato… Non riesco a trovare una buona ragione che spinga un… vabbè… a voi la definizione più adatta… a fare un gesto come questo, cosi tanto odio per la Terra e per le persone. Mettendo a rischio la vita di chi cerca di salvare il salvabile e di chi abita a due passi da quei campi. Di chi, con tanto sudore e fatica ha coltivato, curato e vegliato su quel fazzoletto di Terra. Ho pensato solo dopo che avrei dovuto fare qualche foto, ma vedere andare tutto in fiamme è stato cosi demoralizzante che le foto non sono state tra i nostri pensieri”.

Un messaggio che colpisce forte l’anima e che riporta in primo piano una piaga che da sempre affligge la nostra Terra, ferita dalla mano di chi dovrebbe proteggerla.

Articoli correlati

Ultime News

DPCM e chiusure: al posto di consigli sui social, agiamo: aiutiamo le attività più colpite!

Dopo l'ufficialità del DPCM del 25 ottobre 2020 e la conferenza stampa di Giuseppe Conte di stamattina, che ha tenuto incollati alla...

Università della Terza Età, attività sospese fino al 24 novembre

L'Università del Monreale, sentita la Direzione Regionale delle Università della Terza Età, visto l'acuirsi della pandemia da Covid-19 e alla luce del...

Coronavirus, ecco il nuovo DPCM in vigore fino al 24 novembre

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il DPCM che entra in vigore lunedì 26 ottobre e sarà valido - salvo ulteriori...

Urne aperte in Sardegna: si vota in 156 Comuni

Domenica e lunedì all'insegna del voto (con lo spauracchio Covid-19) in 156 Comuni della Sardegna. Sono quasi 450 mila i sardi chiamati...