14.2 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 25 Novembre 2020

Avviso di Allerta Meteo per rischio idraulico: criticità elevata

Emergenza sanitaria

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Coronavirus in Sardegna, 23 novembre: i dati dei contagi (+505) e dei guariti (+283) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 505 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 505 nuovi casi emersi dall'analisi di 2.589 tamponi e...

Coronavirus in Sardegna, 22 novembre: i dati dei contagi (+404) nelle ultime 24 ore. Altri 10 decessi

Covid-19, in Sardegna salgono a 18.493 i casi di positività da inizio pandemia. Dai dati diramati dall'unità di crisi regionale sono 404 i nuovi positivi...

Villacidro, 19 nuovi casi di Coronavirus: i casi salgono a 67

A Villacidro il bollettino Covid-19 si fa preoccupante. La sindaca Marta Cabriolu ha comunicato l'esplosione dei contagi nel paese: sono 19 i nuovi casi...

Il Servizio di Protezione Civile della Regione Sardegna ha emanato un Avviso di condizioni meteorologiche avverse e visto il BOLLETTINO DI CRITICITÀ n. 22499 / 253 del 09.09.2020 con cui si comunica che dalle ore 06:00 e sino alle ore 23:59 di giovedì 10/09/2020 si prevede il livello di ELEVATA CRITICITÀ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO sulle zone di allerta:
Montevecchio-Pischilappiu, Tirso.

Si informa la cittadinanza che è operativo dall’attivazione dell’allerta il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) che ha proceduto ad attivare i presidi territoriali di protezione civile e prosegue nell’attività di monitoraggio costante della situazione d’emergenza.


CONSIGLI UTILI IN PRESENZA DI ALLERTA METEO CON CRITICITÀ ELEVATA
Ascolta la radio, cerca su internet o guarda la televisione per sapere se sono stati emessi avvisi di condizioni meteorologiche avverse o di allerte di protezione civile.
Ricorda che durante e dopo le alluvioni, l’acqua dei fiumi è fortemente inquinata e trasporta detriti galleggianti che possono colpirti. Inoltre, macchine e materiali possono ostruire temporaneamente vie o passaggi che cedono all’improvviso. Poni al sicuro la tua automobile in zone non raggiungibili dall’allagamento nei tempi e nei modi individuati nel piano di emergenza del tuo Comune.
Informa dell’allerta parenti, amici e conoscenti che potrebbero non essere a conoscenza della stessa.


COSA FARE IN CASO DI ALLUVIONE:
PRIMA

  • È utile avere sempre a disposizione una torcia elettrica e una radio a batterie, per sintonizzarsi sulle stazioni locali e ascoltare eventuali segnalazioni utili;
  • Metti in salvo i beni collocati in locali allagabili, solo se sei in condizioni di massima sicurezza. Rinuncia a mettere in salvo qualunque bene materiale (auto, valori, ecc.) se dal segnale di ALLERTA è già trascorso un tempo considerevole e l’emergenza non è ancora cessata;
  • Assicurati che tutte le persone potenzialmente a rischio siano al corrente della situazione;
  • Non rimanere in scantinati o abitazioni sotto il livello stradale. Se abiti a un piano alto, offri ospitalità a chi abita ai piani sottostanti e viceversa se risiedi ai piani bassi, chiedi ospitalità;
  • Poni delle paratie a protezione dei locali situati al piano strada e chiudi o blocca le porte di cantine o seminterrati;
  • Assicurati che l’ascensore sia fermo in posizione di sicurezza (seguire le indicazioni di emergenza o comunque lasciare la cabina montacarichi in posizione tale che non possa venire lambita dalle acque).
  • Se non corri il rischio di allagamento, rimani preferibilmente in casa;
  • Ricorda a tutti i componenti della famiglia i comportamenti da adottare in caso di emergenza, come chiudere il gas o telefonare ai numeri di soccorso.
  • Verifica che tutti gli abitanti dello stabile siano al corrente della situazione di pericolo. Controlla soprattutto che ne siano a conoscenza i disabili e le persone anziane, segnala situazioni di pericolo agli uffici competenti.
  • Evita la confusione mantenendo la calma e rassicurando le persone più agitate.
  • Evita, se possibile, di usare il telefono (le linee telefoniche, ove funzionanti sono già sovraccariche per le segnalazioni di emergenza).
  • Assicurati che tutte le vie d’uscita siano sgombre.
  • Se costretto a lasciare il proprio appartamento ricorda di portare con te una borsa/zainetto d’emergenza e di chiudere la porta a chiave.
  • Copri le fessure delle porte dei locali inondabili utilizzando sacchetti di sabbia, stracci, coperte.
  • Informati su quali sono le aree di attesa e le aree di ricovero per la popolazione più vicine alla tua abitazione
  • Preventivamente e al primo segnale d’ALLERTA porta i tuoi autoveicoli in una zona sicura badando a non intasare/intralciare le strade.
     

In auto:

  • Bastano 30-40 cm di acqua perché l’auto galleggi e sia ingovernabile
  • Evita di scegliere percorsi con ponti o sottopassi e se proprio indispensabile procedi con cautela accertandoti della percorribilità senza rischio (non ci deve essere la presenza di acqua nel sottopasso, segni di cedimento sul manto stradale in prossimità dei ponti)
  • Tieniti lontano da frane e pareti rocciose
  • Tieniti lontano da argini di fiumi, torrenti e fossi
  • Leggi i messaggi degli appositi cartelli a segnaletica variabile e rispetta le indicazioni
  • Evita di lasciare l’automobile in modo che possa causare intralcio alla circolazione
  • Evita di abbandonare l’automobile in una zona a rischio (potrebbe essere portata via dalle acque di piena) portandola, nel caso, nelle aree di parcheggio sicure
     

DURANTE
Se sei in un luogo chiuso

  • Non scendere in cantina, nel seminterrato o garage per mettere al sicuro i beni: rischi la vita;
  • Non uscire assolutamente per mettere al sicuro l’automobile o mezzi agricoli: c’è pericolo di rimanere bloccati dai detriti e di essere travolti dalla forza dell’acqua. Mai combattere con l’acqua e i detriti, sono più forti loro;
  • Se ti trovi in un locale seminterrato o al piano terra, sali ai piani superiori. Evita l’ascensore: si può bloccare. Aiuta gli anziani e le persone con disabilità che si trovano nell’edificio, se da solo non ce la fai, chiedi aiuto ai vicini abili o le forze destinate ai soccorsi: Prima il C.O.C. del Comune (il numero di telefono lo trovi nel Piano di protezione civile), poi, se non riesci con il C.O.C., i Vigili urbani, squadre di Volontariato comunale, Corpo forestale e di vigilanza ambientale, Carabinieri, Polizia;
  • Se abiti a un piano alto, offri ospitalità a chi abita ai piani sottostanti e, viceversa, se risiedi ai piani bassi, chiedi ospitalità;    
  • Chiudi il gas e disattiva l’impianto elettrico e quello di riscaldamento. Non toccare impianti e apparecchi elettrici con mani o piedi bagnati;
  • Non bere acqua dal rubinetto: potrebbe essere contaminata;
  • Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi;
  • Tieniti informato (internet, radio, televisione) su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità.

Se sei all’aperto

  • Allontanati dalla zona allagata: per la velocità con cui scorre l’acqua, anche pochi centimetri potrebbero farti cadere. Un’automobile galleggia in poco più di 30 cm d’acqua, nonostante pesi oltre una tonnellata: l’acqua può spazzarvi via come fuscelli se tentate di opporvi! Non entrate mai nell’acqua in movimento con un’automobile anche se vi sembra di conoscere la strada, meno che mai in un sottopassaggio allagato;
  • Raggiungi rapidamente l’area vicina più elevata evitando di dirigerti verso pendii o scarpate artificiali che potrebbero franare;    
  • Fai attenzione a dove cammini: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti ecc.;
  • Evita di utilizzare l’automobile: anche pochi centimetri d’acqua potrebbero farti perdere il controllo del veicolo o causarne lo spegnimento; rischi di rimanere intrappolato assieme a chi è dentro la macchina
  • Se sei in auto, non tentare di raggiungere comunque la destinazione prevista, ma trova riparo nello stabile più vicino e sicuro
  • Evita sottopassi, argini, ponti: sostare o transitare in questi luoghi può essere molto pericoloso
  • Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi
  • Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità.

DOPO

  • Segui le indicazioni delle autorità prima di intraprendere qualsiasi azione, come rientrare in casa, spalare fango, svuotare acqua dalle cantine ecc.;
  • Non transitare lungo strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti o cavi elettrici tranciati.     Inoltre, l’acqua potrebbe essere inquinata da carburanti o altre sostanze;
  • Fai attenzione anche alle zone dove l’acqua si è ritirata: il fondo stradale potrebbe essere indebolito e cedere;
  • Verifica se puoi riattivare il gas e l’impianto elettrico. Se necessario, chiedi il parere di un tecnico;
  • Prima di utilizzare i sistemi di scarico, informati che le reti fognarie, le fosse biologiche e i pozzi non siano danneggiati;
  • Prima di bere l’acqua dal rubinetto assicurati che ordinanze o avvisi comunali non lo vietino; non mangiare cibi che siano venuti a contatto con l’acqua dell’alluvione: potrebbero essere contaminati.

DA TENERE A PORTATA DI MANO

E’ utile inoltre avere sempre in casa, riuniti in un punto noto a tutti i componenti della famiglia, oggetti di fondamentale importanza in caso di emergenza quali:

  • Kit di pronto soccorso + medicinali;
  • Generi alimentari non deperibili;
  • Scarpe pesanti;
  • Scorta di acqua potabile;
  • Vestiario pesante di ricambio;
  • Impermeabili leggeri o cerate;
  • Torcia elettrica con pila di riserva;
  • Radio e pile con riserva;
  • Coltello multiuso;
  • Fotocopia documenti di identità;
  • Chiavi di casa;
  • Valori (contanti, preziosi);
  • Carta e penna.

Si invita la popolazione residente a predisporsi per un eventuale evacuazione precauzionale e a non intralciare la circolazione stradale. 
Si prega di voler prestare la massima attenzione ai successivi comunicati di aggiornamento della situazione.

IN CASO DI NECESSITÀ È POSSIBILE CONTATTARE I SEGUENTI NUMERI:
Vigili del Fuoco – 115
Carabinieri – 112
Comune di San Gavino Monreale – 07093749229 (Centro Operativo Comunale / Vigili) – 070937491 (centralino)

Ulteriori informazioni per altre situazioni di emergenza sono disponibili sul sito della Protezione Civile Nazionale

Articoli correlati

Ultime News

“Un’autorizzazione eccezionale per gli allevatori asintomatici”, la richiesta per salvare la campagna sarda

La Campagna non si ferma neppure davanti al Covid. Continua a produrre e richiedere l’attenzione e il lavoro degli agricoltori. In particolar modo gli...

Zafferano di Sardegna DOP: una certificazione porta la Sardegna fuori dalla crisi

San Gavino Monreale, Turri e Villanovafranca sono i tre paesi sardi dove la produzione dello Zafferano di Sardegna DOP è cultura e tradizione. Qui,...

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Convegno “Vite da Narcisi”, il link per la diretta streaming

Si invita la popolazione a partecipare al convegno, ricordando che per assistervi basta collegarsi al canale Youtube dell'Amministrazione comunale con il link sottostante:https://www.youtube.com/channel/UC3cY68XvZKYf0AnHt95nxnAoppure, direttamente a https://www.youtube.com/watch?v=_9ahyJmpyq8  Se...