14 C
San Gavino Monreale
venerdì, 14 Maggio 2021

Il ministro Boccia contro la Regione Sardegna: “Il passaporto sanitario è incostituzionale”

Emergenza sanitaria

Il ministro per gli affari regionali, Francesco Boccia annuncia l’apertura di un’istruttoria per valutare la legittimità dell’ultima ordinanza del Presidente della Regione Sardegna. Sotto la lente del Governo ci sono le disposizioni in merito al “passaporto sanitario”, tornato di moda dopo la bocciatura di qualche mese fa.

“Quello che non è ammissibile – ha dichiarato il ministro Boccia – è che in queste ore alcune regioni, penso a Piemonte e Sardegna, approvino delle ordinanze per proprio conto, dopo aver chiuso all’unanimità con tutte le altre regioni accordi che hanno messo in sicurezza una serie di servizi tra cui scuola o trasporti”.

Francesco Boccia ha anche annunciato, da parte del suo ministero, una verifica sulla legittimità dell’ordinanza regionale emanata da Christian Solinas: “Non esiste in nessun Paese un passaporto sanitario – ha affermato il ministro – non tra un Paese e un altro, figuriamoci tra una regione e l’altra. O siamo persone serie o significa usare le istituzioni per fare propaganda, ed è inammissibile. Non esiste nessun passaporto – ha insistito Boccia – è incostituzionale dire che uno si può muovere solo se è sano, oltre al fatto che non serve a niente se è per il Covid“.

Il ministro ha poi criticato il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, per la gestione della crisi sanitaria in estate, soprattutto per quanto riguarda i controlli mancati nei locali: “Tutto il Sud ha avuto numeri straordinari nel Turismo. Non hanno avuto meno turisti, ma non ci sono stati i positivi della Sardegna. Se diciamo che col Covid devi mettere la mascherina e osservare le distanze, è evidente che quella è la strada per abbassare i rischi”.

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News