15.9 C
San Gavino Monreale
venerdì, 4 Dicembre 2020

Giochi mortali in via Dante: e se il problema fosse più profondo? Il punto di vista di Francesco Podda

Emergenza sanitaria

Coronavirus in Sardegna, 3 dicembre: i dati dei contagi (+538) e dei guariti (+182) nelle ultime 24 ore. Altri 9 decessi

Covid-19, tornano ad aumentare contagi, decessi e ricoveri in Sardegna. Aumentano nuovamente i contagi in Sardegna, dai dati dell'unità di crisi regionale si evidenzia come...

Poste Italiane, dal 14 via ai test anti-Covid su 130.000 dipendenti

Poste Italiane lancia una campagna di test anti Covid-19 sui suoi 130.000 dipendenti. Lo ha annunciato il Condirettore Generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco,...

Focolaio Covid ad Arbus, il Sindaco chiude i bar fino al 3 gennaio

Dopo il bollettino che ha fatto salire a 78 i positivi, con ben 24 nuovi positivi riscontrati in un solo giorno, sale il livello...

Covid-19 ad Arbus, ondata di contagi. Nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Preoccupante ondata di contagi ad Arbus. Sono addirittura 24 i nuovi casi di positività al Covid-19 registrati in un solo giorno. Si contano 78...

Coronavirus in Sardegna, 2 dicembre: i dati dei contagi (+445) e dei guariti (+249) nelle ultime 24 ore. Altri 4 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 4 decessi e 445 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 445 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.297...

Ieri abbiamo pubblicato la denuncia di una nostra lettrice, in cui si parlava di giochi mortali nella rotonda di via Dante, che ha suscitato una lunga scia di commenti sulla nostra pagina Facebook.

Il nostro intento era semplicemente quello di mettere sul chi vive gli automobilisti, ma la discussione si è subito allargata: qualcuno ha cercato dei colpevoli (genitori, assenza di controlli), altri hanno provato a trovare soluzioni (vigilanza, telecamere, etc), infine altri, come Francesco Podda, provano a cambiare prospettiva e analizzare la situazione partendo “da lontano”.

Vi proponiamo dunque la sua riflessione, che cerca di risalire alle origini di questi comportamenti “sconsiderati” dei giovanissimi, dell’assenza di alternative e di sensibilizzazione al corretto uso della bici. Ma ancora più importante, l’assenza di quel “buon esempio” da parte degli adulti, che poi sono gli stessi adulti – genitori e non – che dimostrano pari assenza di rispetto e senso civico, magari proprio quando passano accanto a un ciclista.

Ecco la lettera che Francesco, Sangavinese dell’Anno 2019, ha voluto affidare alla nostra redazione.


Ho notato che la totalità dei commenti sull’articolo vedeva come ”colpevoli” un gruppo di ragazzi e andava a richiamare le forze dell’ordine così che (secondo alcuni) riprendendoli si potesse risolvere la situazione.

Vorrei provare a girare la frittata e vederla da un altra prospettiva, che non per forza deve essere quella dei ragazzi in questione (i quali non posso difendere, non conoscendo a sufficienza la vicenda). Mi chiedo: perchè non si inizia un lavoro di sensibilizzazione all’uso della bici e di mezzi alternativi per spostarsi in paese? Perchè non si crea un percorso ciclabile e si danno regole chiare?

I ragazzi imparano a comportarsi bene nella società quando la società stessa gli da un input chiaro.

Ci si lamenta che non ci sono più i giochi di un tempo, ma non si da ai ragazzi gli spazi necessari, i quali si ritrovano per strada perchè viviamo nel ventunesimo secolo e ci sono sempre più strade sulle quali è ormai pieno di macchine (giusto o sbagliato che sia, sono queste a creare il pericolo, se pur il rischio è del ciclista).

Tutto ciò non autorizza nessuno a creare problemi agli automobilisti; ma perchè scaricare la colpa sui ragazzi?! Quando spesso e volentieri chi ha il dovere di dare l’esempio se ne lava le mani perchè ”i genitori non li hanno educati”, dimenticando che volente o nolente viviamo in una comunità e i segnali educativi arrivano sia in famiglia che fuori.

Non ho la presunzione di insegnare niente a nessuno, ma nel caos della vita moderna spesso si perde di vista qualcosa di fondamentale, il bene comune.

Bisognerà iniziare a dare ai ragazzi di oggi e del domani il buon esempio?! Lasciamo sempre 1,5m tra la macchina e la bici, sorpassiamo a velocità adeguata, perchè anche questi sono ”giochi mortali” che il ciclista vive ogni giorno, eppure nessuno si indigna con chi gioca con la loro vita perchè, ipocriti e orgogliosi, non riusciamo ad ammettere che siamo un po’ tutti come quei ragazzi che inseguono le macchine alla rotonda.

Chiudo domandando solo una cosa: se non fate capire quanto per voi valga la vita altrui, come pretendete che i vostri figli crescano con qualcosa che non gli avete lasciato?

Francesco Podda

Articoli correlati

Ultime News

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 9 dicembre 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria, seduta pubblica, con trasmissione streaming...

Cosa sono i concorsi giveaway? Anche a San Gavino arrivano i contest natalizi

Il termine "giveaway" significa letteralmente "omaggio". Quando si parla di giveaway si intendono quei giochi, organizzati sui social, in cui una pagina chiede ai propri iscritti (o follower)...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 03.12.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 33 attualmente positivi (invariatoda ieri) di cui 33 in isolamento domiciliare e nessuno ricoverato con sintomi.• 34 persone in quarantena (oltre i positivi...

Fabio Sitzia vince il Campionato Sardina Rally Classic

Si è concluso con la vittoria di Fabio Sitzia il Campionato Sardinia Rally Classic, evento e-Racing (rally al simulatore, ndr) egregiamente organizzato da Salvatore...