14.5 C
San Gavino Monreale
lunedì, 8 Marzo 2021

Mi chiamo Gabriele, ho 13 anni e voglio andare a scuola!

Emergenza sanitaria

Gabriele, un giovane studente che frequenta la prima classe di un liceo di Cagliari, ha indirizzato una bellissima lettera aperta a tutte le istituzioni che in questo momento decidono le sorti della scuola.

La condividiamo con i nostri lettori, per fermarci ad ascoltare anche il punto di vista dei ragazzi. Siamo stati tutti tredicenni, e anche se spesso ce ne dimentichiamo, a quell’età avevamo anche noi necessità, speranze e sogni.

Mi chiamo Gabriele, ho 13 anni e voglio andare a scuola! E non avrei mai pensato di doverlo dire.

Nonostante l’emergenza, la scuola è un posto sicuro: io sono al liceo Siotto, non c’è neanche una classe in quarantena, ma mi sento dire che, siccome gli autobus sono troppo affollati, io non devo più andare a scuola.

Non capisco.
Se il problema sono i trasporti perché chiudere la scuola? Risolviamo i trasporti! Perché ad esempio non si possono noleggiare gli autobus privati come quelli che utilizzavamo per le uscite didattiche? Sono tutti parcheggiati, usiamoli!

Da quando i bus di Cagliari sono molto affollati, i miei i genitori hanno fatto il sacrificio di accompagnarmi in auto, ma non tutti hanno questa possibilità, e io do un passaggio anche al mio amico.

E se facessimo la didattica mista? Chi può andare autonomamente sta in classe, mentre gli altri si collegano da casa, aspettando una soluzione rapida per tutti. O almeno un paio di giorni a settimana in presenza.

Io non ho scioperato i giorni scorsi perché non ha senso non entrare a scuola se il problema sono gli autobus. Io ci vado eccome a scuola perché è un mio diritto e ne ho bisogno come ne avevate voi alla mia età.

Ci vado con la mascherina, distanziato, igienizzato, seduto 5 ore, con le finestre aperte anche quando piove, se volete posso andarci anche con la visiera, che ricorda quella delle truppe anti-sommossa, ma voglio andarci!

Prima del Covid pensavo che la scuola fosse come una medicina un po’ amara, ma in confronto la didattica a distanza è una purga (senza offesa),da prendere solo in caso di assoluta necessità!

Noi ci aspettiamo molto da voi adulti, ma se avete bisogno di idee noi ne abbiamo tante.
Vi auguro buon lavoro, come a noi auguro buono studio”

Gabriele Mannu

Il post, pubblicato dalla pagina Liceo Classico “Siotto Pintor” Cagliari ha ricevuto centinaia di condivisioni. Un grande in bocca al lupo a Gabriele e a tutti gli studenti che affrontano la scuola in questi tempi complicatissimi.

Articoli correlati

Ultime News