11.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, 3 Dicembre 2020

“Dignità delle persone vale molto più di 30 € di pane e formaggio”, il Sindaco di Samassi contro i voucher della Regione

Emergenza sanitaria

Poste Italiane, dal 14 via ai test anti-Covid su 130.000 dipendenti

Poste Italiane lancia una campagna di test anti Covid-19 sui suoi 130.000 dipendenti. Lo ha annunciato il Condirettore Generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco,...

Focolaio Covid ad Arbus, il Sindaco chiude i bar fino al 3 gennaio

Dopo il bollettino che ha fatto salire a 78 i positivi, con ben 24 nuovi positivi riscontrati in un solo giorno, sale il livello...

Covid-19 ad Arbus, ondata di contagi. Nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Preoccupante ondata di contagi ad Arbus. Sono addirittura 24 i nuovi casi di positività al Covid-19 registrati in un solo giorno. Si contano 78...

Coronavirus in Sardegna, 2 dicembre: i dati dei contagi (+445) e dei guariti (+249) nelle ultime 24 ore. Altri 4 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 4 decessi e 445 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 445 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.297...

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

Enrico Pusceddu, sindaco di Samassi, spara a zero sulla delibera della Giunta Regionale 52/16 del 23 ottobre 2020 che prevede un voucher di 30, 60 o 90 euro alle famiglie “indigenti” da usare per comprare pane e formaggio.

Una forma di “elemosina” regionale resa complicatissima dalla burocrazia, sia per le amministrazioni, sia per le famiglie richiedenti. Per questo il primo cittadino di Samassi ha voluto rimarcare un aspetto importantissimo, spesso dimenticato dalle istituzioni, quando si parla di aiuti alle persone in stato di necessità: la dignità.

Ecco il comunicato integrale del sindaco Enrico Pusceddu.


PER 30 € DI PANE E FORMAGGIO AGLI “INDIGENTI”
In tanti anni da amministratore ho visto tante iniziative “stravaganti” da parte di Comuni, Regioni e Stato centrale, ma una delibera come la n. 52/16 del 23.10.2020 recentemente pubblicata dalla Giunta regionale della Sardegna forse le batte tutte.
In questa delibera colgo da un lato il lodevole intento di chi l’ha presentata, ovvero destinare risorse pubbliche per supportare un comparto produttivo in crisi e contemporaneamente dare una mano alle persone che si trovano in difficoltà economica, dall’altro, invece, colgo la totale “sconsideratezza” della proposta.
Partiamo dall’aspetto pratico.
I produttori caseari o i panificatori che vogliono aderire all’iniziativa dovranno partecipare ad una manifestazione d’interesse regionale, poi la palla passerà ai comuni che dovranno gestire tutte le procedure raccogliendo le richieste degli “indigenti” (che dovranno certificare di esserlo) con l’obiettivo di fornire loro, a seconda dei componenti il nucleo familiare, 30, 60, 90 o più euro di voucher per “acquistare” pane e formaggio “tipici” che potranno ritirare recandosi da qualsiasi produttore convenzionato della Sardegna.
La delibera, che non provo neanche a riassumere ma invito a leggere integralmente, prevede una procedura talmente macchinosa, dispendiosa e irrazionale in rapporto all’entità del bene fornito ai singoli “indigenti” da determinare un costo altissimo in termini di risorse umane ed economiche impiegate dai Comuni.
La montagna ha partorito un topolino, spendi 100 per donarne 30.
Ma vi è un altro aspetto che dal mio punto di vista è ancora più sconcertante.
In questa delibera che peso ha la dignità delle persone che chiamiamo “indigenti”?
Dov’è il rispetto per la loro condizione umana e sociale?
Come possiamo mai immaginare che chi ha bisogno d’aiuto non si senta offeso e umiliato nel presentare certificati, modelli ISEE e documenti vari per ricevere in cambio poche decine di euro di pane e formaggio da prendere come e dove diciamo noi. Una carità non richiesta che offende la dignità delle persone.
Come si può pensare che chi non sa come sfamare i propri figli non si senta mortificato dall’esser costretto ad esporsi al pubblico giudizio per ricevere prodotti “tipici” che in quel momento prenderà solo perché ha fame. Una fame in cui l’individuo è soggetto passivo dinnanzi alle Istituzioni che si arrogano il diritto di decidere come sfamarlo.
Gli indigenti non sono “soggetti” appartenenti ad una “categoria sociale” da alimentare con ciò che il mercato non riesce a vendere, sono esseri umani che meritano sensibilità, rispetto e attenzioni ancora maggiori quando si trovano in uno stato di estrema necessità.
La dignità delle persone vale molto più di 30 euro di pane e formaggio.
Ogni tanto le Istituzioni se lo dimenticano.

Enrico Pusceddu
Sindaco Samassi

Articoli correlati

Ultime News

Il grande cuore dei Carabinieri della Stazione di San Gavino Monreale

Se parliamo di supporto alla comunità, di impegno costante, di piccoli e grandi atti di coraggio quotidiani, il pensiero non può che volare ai...

Poste Italiane, dal 14 via ai test anti-Covid su 130.000 dipendenti

Poste Italiane lancia una campagna di test anti Covid-19 sui suoi 130.000 dipendenti. Lo ha annunciato il Condirettore Generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco,...

Le stelle di Natale in piazza per AIL

AVIS San Gavino Monreale anche quest'anno aderisce all'importante iniziativa AIL (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma ONLUS) e nel prossimo weekend troverete, anche...

Focolaio Covid ad Arbus, il Sindaco chiude i bar fino al 3 gennaio

Dopo il bollettino che ha fatto salire a 78 i positivi, con ben 24 nuovi positivi riscontrati in un solo giorno, sale il livello...