24.1 C
San Gavino Monreale
venerdì, 22 Ottobre 2021

Sardegna, centinaia di ettari di colture bruciate dal gelo

Emergenza sanitaria

È purtroppo pesante il quadro che emerge dalle prime rilevazioni effettuate dalle aziende agricole dopo le gelate di ieri mattina che hanno interessato tutto il territorio regionale con  percentuali compromesse altissime, nei casi più gravi si arriva fino al 70-80 per cento, anche se sarà nei prossimi giorni che si avrà un quadro più preciso. 

Da Alghero fino al sassarese, Gallura, Goceano, Baronia, Marghine, Oristanese, Medio Campidano, Sulcis,  Parteolla. Le gelate di questi giorni ed in particolare, quella di ieri, hanno bruciato centinaia di ettari di colture.

Le temperature alte delle scorse settimane hanno favorito il risveglio della vegetazione che si è presentata vulnerabile a questo abbassamento delle temperature.

A subire i maggiori danni, come previsto già da ieri, sono i vigneti anche se le temperature sotto lo zero hanno colpito anche ortaggi e frutteti.

È fondamentale una quantificazione immediata dei danni e contemporaneamente attivare le richieste da parte dei Comuni, con i quali stiamo interloquendo già da ieri, dello stato di calamità, – afferma il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu –. Un quadro preciso e attendibile sui danni lo avremo nei prossimi giorni anche perché su alcune colture gli effetti non sono immediati, ma è comunque già evidente che le perdite sono ingenti ed in alcuni casi avranno anche delle conseguenze per le prossime annate”.

I cambiamenti climatici stanno devastando l’agricoltura con cambiamenti di clima repentini ed eventi spesso violenti che si succedono con una frequenza sempre maggiore e fuori stagione.

“Per l’ennesima volta chiediamo l’apertura di un forum permanente sui cambiamenti climatici – dice il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba dove si dovranno studiare e sperimentare metodi per mitigare i cambiamenti climatici, una agricoltura più resiliente ma anche la programmazione dei fondi europei che devono essere indirizzati all’interno di una seria programmazione”.

Allo stesso tempo “stiamo sempre lavorando per migliorare i sistemi assicurativi affinché siano più efficaci ed efficienti – afferma Battista Cualbu – ed invitiamo gli agricoltori ad usufruirne perché i cambiamenti climatici stanno condizionando tutti gli anni i raccolti. La Regione, soprattutto all’interno di questa crisi epocale provocata dalla pandemia, sia vicina al mondo agricolo con interventi di ristoro immediati e accelerando la chiusura della liquidazione della famigerata siccità del 2017 e delle calamità del 2018”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News