6.8 C
San Gavino Monreale
lunedì, 6 Dicembre 2021

Carta da parati, che passione: 4 consigli per la scelta

Emergenza sanitaria

Scegliere la carta da parati perfetta per una stanza o per l’intera casa non è semplice. Oltre ai gusti personali, bisogna tenere in considerazione anche la moda del momento e le caratteristiche degli arredi che dovranno convivere negli stessi spazi. È infatti fondamentale assicurarsi che la grafica, il colore, e il motivo scelti arricchiscano effettivamente gli ambienti domestici. 

In questo semplice articolo vi daremo alcuni semplici consigli utili prima di scegliere la carta da parati giusta per il vostro appartamento.

Attenzione alle dimensioni della stanza!

Se la stanza è piccola, l’impatto visivo della carta da parati sarà maggiore. Una stampa più grande darà a un ambiente un’aria più accogliente e intima, mentre una più piccola regalerà alla stanza la sensazione di essere più ariosa. Il suggerimento è quello di scegliere la dimensione della stampa in base ai metri quadri della stanza: stanza piccola, stampa piccola; stanza grande, stampa grande. Bisogna tenere in considerazione anche il fattore luce: se nella stanza sono presenti finestre e quindi luce naturale si possono scegliere tonalità più scure, ma se l’illuminazione dipende principalmente da illuminazione artificiale, consigliamo di optare per una tonalità più chiara.

Quale stile scegliere? 

Lo stile della carta da parati deve combaciare con lo stile dell’arredamento della stanza, per dare continuità alle linee dei mobili. Se vi piace osare, invece, si potrebbe optare per una tonalità o stile in contrasto con gli arredi. Ecco alcuni esempi degli stili di carta da parati:

  • Elegante: un interno elegante beneficia di vari design formali di carta da parati (come stampe dipinte a mano o stile damascato).
  • Glamour: disegni riflettenti in rilievo, dettagli metallizzati con cristalli o glitter incorporati.
  • Natura: motivi con stampe floreali o vegetali, ad esempio: https://www.photowall.com/it/carte-da-parati/natura
  • Vittoriano: uno stile barocco, con damaschi floreali
  • Moderno: con elementi geometrici o astratti per abbinarsi ad un arredamento più giovane.

Stanze diverse, carta da parati differente!

Qual è la stanza in cui andremo a incollare la carta da parati? Qual è l’uso che ne farete? Quanto tempo vi trascorrete? Una stampa dai colori vivaci può essere adatta al bagno, ad esempio, dove si passano solo pochi momenti. Nelle stanze da letto o magari in uno studio, dove si passa molto tempo in relax, meglio non esagerare con i dettagli barocchi. In soggiorno, invece, si può lasciare spazio alla creatività, per stupire gli ospiti.

Un altro aspetto fondamentale per la scelta è anche chi utilizza una specifica stanza: la stanza dei bambini, il corridoio o la cucina, ad esempio, sono ambienti ad alto traffico. In queste stanze i muri sono più soggetti a sporcarsi e la carta da parati potrebbe rovinarsi. Il consiglio, in queste stanze, è quello di evitare colori chiari e optare per carte da parati lavabili. 

Come e dove applicare la carta da parati?

Esistono diverse maniere per decorare gli interni in una casa con la carta da parati. Si può applicare su tutte le pareti di una stanza o solo su una parete “sullo sfondo” come elemento decorativo o complemento di arredo.

Bisogna sempre ricordare che tappezzare ogni parete farà sembrare la stanza più piccola (il bianco “allarga” gli spazi, gli altri colori li “restringono”). Si possono prendere in considerazione fogge con motivi piccoli e colori chiari e neutri per evitare di trasformare l’ambiente in uno spazio chiuso e pesante alla vista. 

Una soluzione audace potrebbe essere quella di applicare la carta da parati con un motivo brillante su un solo angolo (ad esempio con stile Natura o Vittoriano), pitturando però tutte le altre pareti con una tinta abbinata. 

Una volta letti i nostri consigli, l’ultimo suggerimento è quello di affidarsi a ditte specializzate che possano darvi assistenza nella fase di scelta e possibilmente vi facciano visionare dal vivo i campioni di carta da parati, in modo da valutare l’effettiva brillantezza dei colori (che spesso non si evince dai cataloghi cartacei).

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News