22.5 C
San Gavino Monreale
domenica, 19 Settembre 2021

Gambling: le due velocità di Gran Bretagna e Italia

Emergenza sanitaria

Il mercato del gambling online in Italia non sembra conoscere ostacoli. Gli ultimi dati parlano chiaro. Nel nostro Paese le entrate per gli operatori sono aumentate del 45% nel solo 2020. Il tutto, nonostante la crisi economica dovuta al Covid. Uno dei motivi di questo boom va da ricercare nella chiusura dei punti di scommessa terrestri che solo ultimamente hanno potuto riaprire. Tuttavia, la situazione è molto meno fluida di come appare in Europa.

Vediamo dunque la situazione del gambling in questa fase.

Flessione gioco In Gran Bretagna

I dati pubblicati dalla Gambling Commission evidenziano come a giugno in Gran Bretagna vi sia stato un rallentamento del rendimento lordo di gioco e delle scommesse totali che hanno segnato un calo rispettivamente del 7% e del 10%. Tuttavia, i giocatori attivi sono aumentati del 4%. Tale aumento è stato probabilmente «occasionale», dato cioè da Euro 2020 che ha catturato su di sé un’importante attenzione mediatica. Anche le slots hanno subito un rallentamento. Il loro rendimento lordo di gioco è diminuito del 14% a £ 181 milioni durante il periodo da maggio a giugno.

Quali sono i motivi di queste flessioni? Se per il betting il motivo è fisiologico e da ricercare nei pochi eventi di grido a disposizione (Europeo a parte), più complesso è comprendere il calo delle slots. Uno dei motivi potrebbe essere il cambio di abitudini dei giocatori che con il Covid hanno dovuto rivedere le proprie abitudini di gioco. L’incertezza finanziaria in cui versano molti li spinge a mettere il gioco in secondo piano.

i dati italiani

L’Italia, al contrario, si conferma il più grande mercato a livello continentale del gambling. Come anticipato, le entrate per gli operatori sono aumentate del 45% nel solo 2020. A trainare il settore sono state le slot machine online, il blackjack e la roulette. Negli ultimi 18 mesi gli incassi delle sale da gioco online sono cresciuti del 37,5%. A favorire questo flusso di gioco vi sono due fattori. Il primo è lo sviluppo del live gambling che ha catturato l’interesse di molti giocatori.

La possibilità di sfidare persone dal vivo e interagire con croupier in carne e ossa aumenta l’adrenalina dei giocatori. Il gioco passa dunque dall’essere un mero confronto uomo-macchina ad una vera e propria sfida con altri giocatori. L’altro fattore che ha favorito l’aumento del flusso di gioco sono i bonus e le promozioni che i casinò online mettono a disposizione. Questo metodo promozionale permette ai giocatori di ottenere dei fun bonus da spendere su diversi casinò e aumenta di conseguenza il flusso di gioco.

Lo stesso trend positivo si è avuto per il mobile gambling. A confermarlo è stato lo studio sui trend digitali di Deloitte riferito al 2020 secondo cui lo smartphone è il dispositivo preferito dagli italiani per giocare. Stando ai dati italiani,il nostro è il Paese di riferimento per quanto riguarda il gioco in mobilità con un giro di mercato pari a 1,7 miliardi. Il 24% degli italiani gioca su smartphone. Con ogni probabilità questi dati sono destinati ad aumentare grazie allo sviluppo tecnologico cui andiamo incontro.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News