19.8 C
San Gavino Monreale
martedì, 21 Settembre 2021

Villacidro, richiesta audizione presidente della Villaservice in seguito alla morte di Ignazio Sessini

Emergenza sanitaria

Villacidro, il capogruppo consiliare di Assemblea Permanente, Antonio Muscas, ha presentato una richiesta di audizione del presidente della Villaservice e del Consorzio industriale prossimo consiglio comunale per i gravi fatti della Villaservice, culminati con la morte sul lavoro di Ignazio Sessini.

Contestualmente, è stata anche ripresentata una richiesta di accesso agli atti (datata 10 febbraio 2021 e rimasta senza risposta) relativa al funzionamento e alla gestione degli impianti, al fine di fare chiarezza e rispondere alle domande rimaste inevase a oltre un mese dalla scomparsa dell’operaio coinvolto nell’incidente.

A tal riguardo, il 19 agosto 2021 è stata presentata anche una mozione, a firma dei consiglieri Federico Sollai, Maura Aru, Stefano Mais, Dario Piras e Marco Erbì, riguardante la presa di posizione del Comune di Villacidro sulla sicurezza dei lavoratori nella società Villaservice partecipata dal Comune di Villacidro.

Riportiamo, di seguito e integralmente, la richiesta di audizione, inviata alla Sindaca Marta Cabriolu, al consiglio comunale, alla società Villaservice, al presidente del consorzio industriale e al prefetto.

E ora la sindaca di Villacidro parlerà della vicenda in consiglio comunale?


Oggetto: richiesta audizione presidente della Villaservice e del Consorzio industriale prossimo consiglio comunale per i gravi fatti della Villaservice

A distanza di oltre un mese e mezzo dalla tragica scomparsa di Ignazio Sessini, a seguito del diniego della convocazione di un Consiglio Comunale straordinario congiunto di tutti i comuni soci della Villaservice, luogo deputato alla discussione dei gravi fatti accorsi e delle numerose denunce sulle condizioni di lavoro espresse dai dipendenti della Villaservice, in vista del prossimo consiglio comunale, si chiede, ai sensi dell’art. 29 dello Statuto della Villaservice, l’audizione della Presidente della medesima società, Antonella Concas, al fine fornire al consiglio tutto chiarimenti sullo stato degli impianti, sull’organizzazione del lavoro, sugli avvenuti licenziamenti e dimissioni di personale, e sulle condizioni di lavoro di cui le OO.SS si sono fatte portavoce dopo il grave lutto che ha colpito la famiglia Sessini Murgia.

La presenza della presidente è il minimo che si possa chiedere per rispondere all’eco mediatica e alle inchieste giornalistiche che hanno preso spunto dalle denunce, dalle immagini e dai video allarmanti degli stabilimenti, ai quali è doveroso dare risposta, e alle numerose richieste di verità e giustizia dei cittadini villacidresi e di tutta la Sardegna i quali stanno manifestando il desiderio di far luce sul triste episodio, in particolare a seguito dell’increscioso episodio verificatosi giovedì 12 agosto con l’apparizione e singolare scomparsa di due striscioni affissi sulle mura del municipio con i quali si chiedeva verità e giustizia per Ignazio Sessini. Questa giunta ha nominato la presidente Concas ed è giusto che convochi la stessa per conferire al Consiglio sul suo operato.

E poiché la proprietà degli impianti è del Consorzio Industriale di Villacidro, si chiede altresì al suo Presidente di conferire in Consiglio Comunale al fine di chiarire anche la posizione dell’ente da lui rappresentato in relazione alle ordinanze di fermo degli impianti emesse della Provincia del Sud Sardegna, incluso il macchinario in cui ha tragicamente perso la vita il compianto Ignazio Sessini.

Nell’occasione si allega anche il testo della richiesta di accesso agli atti, ai sensi dell’art. 43 comma 2 del T.U.O.E.L. n. 267/2000 e dei decreti legislativi n. 33/2013 e n. 96/2016, presentata da questo stesso gruppo consiliare alla sindaca, alla presidente della Villaservice e al presidente del Consorzio industriale, inviata in data 10 febbraio 2021 e alla quale mai si è data risposta. Nella richiesta si chiedeva conto di:

– Quali tipologie di impianti di trattamento sono attualmente autorizzati con relative scadenze;

– Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per i moduli di discarica 2 e 3
– Quali tipologie di rifiuti sono stati autorizzati al trattamento;
– Autorizzazioni scadute;
– Prescrizioni dei vari provvedimenti autorizzativi;
– Eventuali provvedimenti di deroga e/o proroga, anche in riferimento ai lavori di manutenzione in corso di esecuzione nell’impianto di depurazione;
– Eventuali infrazioni in corso o già formalizzate a carico del Consorzio Industriale e della Villaservice da parte degli organi competenti.

Capogruppo Consiliare Assemblea Permanente
Antonio Muscas

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News