4.8 C
San Gavino Monreale
lunedì, 29 Novembre 2021

Pro Loco, presentazione della grammatica “Su Sardu Standard”: i commenti e le foto dell’evento del 14 ottobre

Emergenza sanitaria

Acadèmia de su Sardu ha fatto tappa a San Gavino Monreale, portando nella nostra cittadina i valori e le cause per cui i componenti lottano quotidianamente, ossia: spronare le istituzioni politiche ad applicare le leggi di tutela e valorizzazione del sardo a Scuola e nelle Università, nella Pubblica Amministrazione, in Chiesa e nei Tribunali.

Giovedì 14 ottobre, nella sede della Pro Loco in Piazza della Resistenza, si è tenuta la 19° Presentazione della Grammatica “Su sardu standard”, alla presenza di Massimo Madrigale (presidente di “Acadèmia de su Sardu”, Giampaolo Pisu (del Comitato Scientifico di “Su Sardu Standard”) con la moderazione di Lorenzo Argiolas, cronista e appassionato di sardo. Oltre ai padroni di casa del direttivo della Pro Loco, presenti anche l’assessora alla Lingua Sarda Giusy Chessa, l’assessora alla Cultura Silvia Mamusa e il sindaco Carlo Tomasi.

“È stata una piacevole serata e una bellissima esperienza – dice Antonella Caboni, presidente della Pro Loco – soprattutto perché ho potuto in sardo fare gli onori da padrona di casa. Sono rimasta piacevolmente meravigliata dell’interesse che ha creato la presentazione di questo libro, un interesse che mi auguro possa continuare a lungo. Mi auguro che Comune e Regione si attivino con tutte le politiche necessarie affinché la nostra lingua identitaria non muoia e venga valorizzata e studiata in maniera coordinata e approfondita”.

Esprime soddisfazione anche Giampaolo Pisu, del Comitato Scientifico di “Su Sardu Standard”, un comitato scientifico composto da ricercatori con titoli e con pubblicazioni, che lavorano con la Lìngua Sarda quotidianamente, operatori di sportello, docenti, traduttori e semplici attivisti per i diritti linguistici, propongono una norma ortografica, cioè un solo alfabeto per scrivere tutto il Sardo e uno standard linguistico a doppia norma. Dunque, una proposta di standard che prende in considerazione il Sardo campidanese ed il Sardo logudorese/nuorese, in conformità con quanto già da tanto tempo affermato con autorità dalla Scienza accademica e cioè che il Sardo è sì un’unica lingua ma espressa in due macrovarietà.

“Seus cuntentus meda – afferma Giampaolo Pisu po comenti est andada sa presentada de Su Sardu Standard (Alfa Editrice), proposta de scriidura de totu su sardu. Giai oi su prus de sa genti chi scriit in sardu sighit, assumancu in parti, custas arrègulas. Sa torrada de su pùbblicu, beniu a cambarada manna, est stètia prus che positiva, tenendi contu fintzas de is interbentus insoru, TOTUS IN LÌNGUA SARDA, sighius a sa presentada a incuru de Massimo Madrigale, Giampaolo Pisu e Lorenzo Argiolas”.

“Unu gràtzias de coru a sa Pro Loco de Santu ‘Éngiu, a sa presidenti Antonella Caboni (e a totu su diretivu) po ai bòfiu custa presentada – continua Giampaolo Pisu – . Arregordaus ca is pro loco podint tenni unu rolu de importu mannu po promovi sa lìngua, fatu contu de sa presèntzia insoru in giai totus is biddas nostas: pensai scéti chi sa comunicatzioni de is eventus fiat in duas lìnguas! De importu mannu est stètia fintzas sa presèntzia de s’Aministratzioni Comunali cun su Sìndigu Carlo Tomasi e is duas Assessoras: a sa Lìngua Giusy Chessa e a sa Cultura Silvia Mamusa (custus interventus puru scéti in lìngua sarda)”.

“Su chi amancat a sa “càusa de sa lìngua” est pròpiu s’impìnniu de sa polìtiga in totus is gradus cosa sua. Difatis si depeus arregordai ca est custa chi detzidit de fai o no fai. Is lìnguas no s’evolvint o sparessint sighendi is leis de s’evolutzioni naturali darwiniana, ma po sceberus polìtigus pretzisus (o po mancàntzia de sceberus). Duncas po podi castiai cun otimismu a su benidori de sa Lìngua nosta serbit un’impìnniu forti, pretzisu e fitianu de sa polìtiga cun atzionis chi nd’assegurint continuidadi e profetu in su tempus, ‘in primis’ un’atzioni in sa scola, fatu contu ca custa est filla de sa polìtiga. Comenti iat nau un’Òmini Mannu de Sardìnnia, Giuanni Lilliu: “chi si morrit sa lìngua si morrit su pòpulu puru”. Po chi is sardus no bessant una populatzioni sciàpida e sena de ànima de s’ìsula de Sardìnnia!” conclude Giampaolo Pisu.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News