19.9 C
San Gavino Monreale
giovedì, 26 Maggio 2022

Crisi dei cinema sardi: Anec Sardegna scrive a Christian Solinas

Emergenza sanitaria

Anec Sardegna (l’associazione degli esercenti dei cinema sardi) chiede aiuto e sostegno alla Regione Sardegna. Il Presidente Luciano Lombardo scrive a Christian Solinas. A rischio aziende e posti di lavoro.

Una vera  richiesta di aiuto  quella espressa dal Presidente di Anec Sardegna Luciano Lombardo al Presidente della Regione sarda Christian Solinas e all’assessore alla cultura Andrea Biancareddu. Lo fa senza mezzi termini chiedendo un intervento dell’istituzione regionale affinché si instauri una sinergia con i gli esercenti cinematografici  per garantire un futuro alle aziende e il mantenimento dei posti di lavoro.

Luciano Lombardo chiede un piano strutturale e contributi a fondo perduto per porre un freno all’inarrestabile  serie di difficoltà nelle quali versa tutto il comparto.

Il settore degli esercenti cinematografici affronta  da due anni enormi perdite di fatturato dovute sia al lungo periodo di chiusura , sia alle restrizioni imposte dal governo, alle quali  si aggiungono la concorrenza spietata delle piattaforme digitali  capaci di tenere il pubblico lontano dalle sale. Nonostante tutto il comparto ha reagito, cercando di superare un momento difficile per tutta la comunità e mantenendo i posti di lavoro così faticosamente creati.

Oggi il mercato chiede un cambio di passo per l’adeguamento  alle innovazioni tecnologiche. Si rende necessario attuare interventi di efficientamento e conversione delle strutture e degli impianti per poter garantire un futuro alle attività e al settore. La principale innovazione è data dalla nuova tecnologia di proiezione con proiettori digitali laser che garantiscono un’altissima qualità della proiezione e un bassissimo impatto ambientale ed energetico nell’ottica di un’economia green. Questa progettualità impone costi e investimenti a fronte di fatturati risicati o , in alcuni casi, azzerati.

Sono tanti gli esercenti sardi che stanno valutando la  chiusura definitiva della propria struttura. Sarebbe una perdita non solo per l’economia locale, già duramente provata. La funzione culturale del cinema è indiscutibile: oltre ad essere un’arte e un modo di riprodurre la realtà, il cinema è anche un ottimo mezzo di comunicazione, informazione e di scambio culturale, una forma d’arte della quale sarebbe sacrilegio privare la comunità. 

Il passato mese di marzo 2021, il presidente di Anec Sardegna, Luciano Lombardo aveva  chiesto aiuto al Presidente della regione Cristian Solinas, chiedendo gesti concreti per tutta la categoria. Nessun segnale ha rincuorato gli operatori che, basandosi esclusivamente sulle proprie  forze, hanno riaperto le strutture, adeguandole alle normative. Molto probabilmente non tutti avranno la forza di continuare, chiudendo definitivamente le porte delle proprie sale.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News