spot_img
21.7 C
San Gavino Monreale
giovedì, 25 Luglio 2024

Poliambulatorio, i servizi rimarranno a San Gavino: la nota della Asl 6 del Medio Campidano

Eventi e manifestazioni

spot_img

San Gavino Monreale . Net è anche su WhatsApp e Telegram.
Clicca sui link per iscriverti ai nostri canali e ricevere tutte le news sul tuo smartphone.

Pubblichiamo una nota della Asl 6 del Medio Campidano che chiarisce la situazione dei servizi del poliambulatorio di via Nurazzeddu e fa luce sulla ricollocazione di tutti i servizi.


Come già più volte comunicato agli operatori e ai cittadini anche di recente, la Asl 6 del Medio Campidano sta pianificando il trasferimento delle attività attualmente effettuate nel “poliambulatorio” di via Nuratzeddu in modo che continuino ad essere svolte integralmente a San Gavino, in parte in ospedale, in parte nella via Santa Lucia (sede della Guardia medica) e in parte nella via Trieste (sede del Consultorio).

L’edificio di via Nuratzeddu deve essere lasciato perché non può ospitare oltre nessuna attività sanitaria per la inadeguatezza dei requisiti strutturali ed impiantistici.

Nel corso degli otto mesi appena trascorsi la Asl ha cercato soluzioni alternative che consentissero di ospitare i servizi per i prossimi due anni senza affrontare gravosi canoni di locazione che gravano sul bilancio del Servizio sanitario e sulle tasse dei contribuenti.

L’amministrazione comunale di San Gavino ha proposto l’impiego, come poliambulatorio, dei locali di via Pascoli, già sede del centro sociale. La Asl 6 del Medio Campidano ha accolto l’offerta e predisposto un progetto di riqualificazione ma quando si è arrivati alla formalizzazione degli accordi si è rilevato che quello stabile non è utilizzabile per carenza di requisiti di agibilità e per lo stato dello stabile che mostra in alcune parti segni di cedimento strutturale.

Purtroppo il patrimonio del Comune di San Gavino non dispone di locali utilizzabili per finalità sanitarie e investire risorse per metterli a norma sarebbe insensato e ingiustificato in considerazione del fatto che il 29 dicembre del 2024, fra due anni e tre mesi, si libereranno i locali dell’ospedale e potranno ospitare le attività territoriali esistenti e quelle di nuova istituzione col PNRR (Ospedale di Comunità).

E’ certamente più ragionevole che le risorse disponibili siano impegnate, come sta facendo la Asl con questa gestione, nel “Nostra Signora di Bonaria” per riefficentarne la Struttura e gli impianti preparandolo ad ospitare tutte le attività sanitarie del territorio quando le attività di ricovero saranno trasferite nel nuovo complesso ospedaliero.

Nel frattempo, per i prossimi due anni, le attività ambulatoriali esistenti saranno riallocate in ospedale (Oculistica, Cardiologia, Dermatologia, Reumatologia e Neurologia) in via Trieste (Pediatria di Libera Scelta e Otorino) e in via Santa Lucia (Centro Prelievi e Igiene Pubblica).

Nessuna delle attività che attualmente assicura il presidio di via Nuratzeddu sarà portata altrove ma continueranno tutte ad essere erogate a San Gavino.

Pubblicità

Articoli correlati

Ultime News