spot_img
21.7 C
San Gavino Monreale
giovedì, 25 Luglio 2024

Crisi della Portovesme Srl, Mons. Carboni: “Incertezza sul futuro, i lavoratori vivono la loro personale settimana di passione”

Eventi e manifestazioni

spot_img

San Gavino Monreale . Net è anche su WhatsApp e Telegram.
Clicca sui link per iscriverti ai nostri canali e ricevere tutte le news sul tuo smartphone.

Nella mattinata di oggi, domenica 26 marzo 2023, davanti ai cancelli della Portovesme Srl di San Gavino Monreale, il Vescovo di Ales-Terralba, Monsignor Roberto Carboni, ha presieduto la Santa Messa, concelebrata dai sacerdoti operanti a San Gavino, don Pier Angelo Zedda, don Elvio Tuveri e don Mario Meloni, e a don Marco Statzu, direttore dell’Ufficio Diocesano per la pastorale sociale e del lavoro, insieme con gli operai, gli impiegati, le loro famiglie, gli amministratori del territorio e tante persone giunte per far sentire la loro voce.

Nella sua omelia il Vescovo ha sottolineato alcune parole: «Vengo qui per esprimere la vicinanza della Chiesa alle vostre giuste rivendicazioni, la nostra solidarietà davanti a una situazione così complessa, e con la richiesta di chiarezza nei confronti dell’azienda».

«Molti lavoratori – ha proseguito mons. Carboni – stanno vivendo la loro personale “settimana di passione” data dall’incertezza del futuro, e un’angoscia profonda. Come cristiani sappiamo che la settimana di passione si compie nella resurrezione, ed è per questo che imploriamo che arrivino annunci di speranza. Come Lazzaro al sepolcro, anche noi e il nostro territorio siamo legati da molti lacci, abbiamo bisogno di qualcuno che ci liberi, e dobbiamo noi stessi come Chiesa stimolare, suscitare opinioni e sensibilizzare perché sia tenuta alta l’attenzione su questa preziosa realtà lavorativa».

La Chiesa di Ales-Terralba si fa dunque portavoce di una parola di incoraggiamento e di speranza per tutti gli oltre 120 lavoratori, la cui età media è inferiore ai 40 anni, e della richiesta di non decidere sulla pelle dei lavoratori, ma a vantaggio di tutti, soprattutto dei lavoratori. Occorre riprendere il dialogo per trovare una soluzione positiva alla vertenza.

Nei prossimi giorni, parallelamente alle azioni di protesta pacifica dei lavoratori, la diocesi terrà alta l’attenzione sulla situazione, perché sia rispettata la dignità delle persone e ognuno possa trovare il giusto riconoscimento del proprio diritto al lavoro e alla serenità della propria famiglia.

Pubblicità

Articoli correlati

Ultime News