spot_img
19.8 C
San Gavino Monreale
venerdì, 19 Luglio 2024

Sardegna, seimila realtà artigiane lavorano con i vacanzieri

Eventi e manifestazioni

San Gavino Monreale . Net è anche su WhatsApp e Telegram.
Clicca sui link per iscriverti ai nostri canali e ricevere tutte le news sul tuo smartphone.

6.623 realtà artigiane che lavorano con i vacanzieri: oltre 16mila i dipendenti. Maria Amelia Lai (Presidente Confartigianato Sardegna): “Artigianato e turismo, legame indissolubile per la crescita dell’Isola. Per battere la concorrenza di altre regioni e altre nazioni la “parolina magica” Sardegna non basta più”. 

Le imprese artigiane che in Sardegna che operano nelle attività economiche a vocazione turistica sono 6.623, pari al 19,4% dell’artigianato sardo. Queste offrono lavoro a 16.330 dipendenti in settori, oltre ad quelli specificamente turistici quali alberghi, ristoranti e alimentari (dalle gelaterie alle gastronomie sino allo streetfood e alla produzione di prodotti enogastronomici tipici), anche nei Trasporti, nell’Abbigliamento e calzature e in una ampia altra gamma di produzioni e servizi come, per esempio, la fotografia, le cornici, la gioielleria e la bigiotteria, la ceramica e il vetro, la lavorazione artistica del marmo, del ferro, del rame e dei metalli, le cure per gli animali domestici, i centri benessere e le palestre.

Alle porte di Ferragosto, l’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna fa il primo punto sul turismo nell’isola perché il settore, come è noto, rappresenta un’importante opportunità di sviluppo e crescita per numerosi settori strettamente collegati. L’artigianato, inoltre, conferma tutta la sua professionalità e vocazione turistica

Il connubio tra artigianato e turismo si evolve di anno in anno ed è un legame al quale le nostre imprese guardano con interesse, per offrire prodotti e servizi di qualità, ad alto grado di personalizzazione e spesso caratteristici di quel Made in Sardegna particolarmente apprezzato dai turisti – commenta Maria Amelia Lai, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna creazioni e prestazioni a valore artigiano, in grado di contribuire a rendere pienamente soddisfacente e indimenticabile una visita nella nostra terra”. “Possediamo un patrimonio inestimabile da offrire al turista – continua la Presidentema senza la professionalità, l’intraprendenza, la voglia di investire e il coraggio di rischiare dei nostri imprenditori, il turismo non verrebbe pienamente sfruttato”.

A livello territoriale 2.618 imprese operano sulla vecchia provincia di Cagliari, con 5.931 addetti, segue il nord Sardegna con 2.277 realtà con 6.149 lavoratori, poi Nuoro con 1.330 realtà e 3.303 addetti e Oristano con 398 imprese che offrono opportunità a 947 dipendenti.

In chiave settoriale il comparto principale è l’Agroalimentare che conta 1.585 imprese sull’Isola (23,9%) che producono cibo e bevande, prodotti per cui siamo famosi presso i turisti stranieri e la cui qualità permette al nostro Paese di primeggiare per numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall’Unione europea. Seguono i 1.508 Ristoranti e pizzerie (22,8%) che insieme a 452 Bar, caffè e pasticcerie (6,8%) – si tratta complessivamente di 1.960 imprese e del 29,6% del totale – mettono a disposizione dei turisti i prodotti di qualità realizzati dalle imprese del territorio. Ci sono poi le 1.356 imprese delle Altre attività manifatturiere e dei servizi (20,5%) che comprendono importanti attività dell’artigianato quali la produzione di gioielleria e bigiotteria, ceramica e vetro e cornici, lavorazione artistiche del marmo, del ferro, del rame e dei metalli, la fotografia, cure per animali domestici e servizi alle persone come, ad esempio, centri benessere e palestre, le imprese del Trasporto persone le cui 1.150 unità (17,4%) integrano l’offerta dello spostamento dei turisti e quelle dell’Abbigliamento e calzature che sono 494 (7,5% del totale) che contribuiscono al successo nel mondo della moda, tra i comparti più rappresentativi all’estero del made in Italy e dello stile italiano.

Confartigianato Sardegna conferma come il turismo e le imprese artigiane collegate, rappresentino il vero volano per l’economia della regione anche se, purtroppo, come tutte le altre attività, entrambi i settori hanno sofferto particolarmente la crisi degli ultimi anni. I numeri del dossier, in ogni caso, dimostrano come entrambi siano complementari e come debbano essere promossi e venduti insieme.

E’ innegabile che turismo e artigiano non siano indenni alle varie crisi che si stanno succedendo – continua – per il calo dei consumi interni, da un lato, ma anche per la concorrenza spietata delle altre nazioni e continenti che, in questi ultimi anni, hanno investito molto sull’offerta turistica. Non possiamo certo riposare sugli allori e pensare che la parola magica “Sardegna” trasformi sempre tutto in oro: dalle vacanze ai manufatti artigianali all’agroalimentare. Dobbiamo renderci conto, che è adesso che diviene necessario programmare, promuovere, combattere per rendere sempre più appetibile, e fruibile, la nostra terra”.

Per Confartigianato Imprese Sardegna, inoltre, è fondamentale che le imprese, in particolare quelle artigiane, mettano a disposizione del turista non solo la più ampia gamma di prodotti e sensazioni, ma anche il loro valore aggiunto come accade nel turismo esperienziale.

L’obiettivo di non sentirci mai “arrivati” – continua la Presidentedeve spingerci a lavorare con ancora più determinazione per migliorarci sul fronte dell’attrattività, dell’artigianato, dell’ambiente e della cultura, che rappresentano i motori della nostra economia. A livello regionale vanno intensificati gli sforzi per restituire competitività alla nostra offerta turistica e valorizzare le eccellenze del made in Sardegna che hanno reso famosa la nostra regione nel mondo”.

Oltre a essere una fondamentale risorsa economica per il nostro territorio, il made in Sardegna è particolarmente ricercato e apprezzato dai turisti che visitano la nostra regione. La chiave per il suo sviluppo, dunque, passa anche attraverso una promozione turistica integrata, che sappia valorizzare tutto il nostro patrimonio: dalla cultura al paesaggio, fino alle produzioni di alta qualità che identificano l’Isola in tutte le sue sfaccettature

Confidiamo nei flussi turistici che, come accaduto negli anni passati pre pandemia, possano sostenere l’economia delle aziende che lavorano a stretto giro con i vacanzieri – conclude la Presidente di Confartigianato Sardegna – certo è necessario sostenere il settore dal punto di vista della promozione delle loro produzioni di qualità, che sono uno dei biglietti da visita più efficaci della Sardegna. Per questo è fondamentale proseguire con le iniziative di promozione coordinate, fare sistema e veicolare sempre di più il “brand Sardegna” in Italia e all’estero”.

Pubblicità

Articoli correlati

Ultime News