spot_img
26.9 C
San Gavino Monreale
giovedì, 25 Luglio 2024

Quali sono i principali risultati dell’ultima riunione della BCE?

Eventi e manifestazioni

spot_img

San Gavino Monreale . Net è anche su WhatsApp e Telegram.
Clicca sui link per iscriverti ai nostri canali e ricevere tutte le news sul tuo smartphone.

Christine Lagarde ha evitato di dare indicazioni chiare sul futuro. Se l’economia dell’eurozona seguirà le previsioni della Banca Centrale Europea (BCE), potrebbero arrivare altri tagli dei tassi. Tuttavia, la possibilità di ritardi o addirittura di inversioni di tendenza è reale.

La Banca Centrale Europea ha recentemente ridotto i tassi di interesse di 25 punti base, portando il tasso di deposito al 3,75%. Questa mossa era molto attesa, in quanto si trattava di uno dei cambiamenti più chiaramente comunicati nella storia della politica monetaria. La domanda principale era se la BCE avrebbe fornito indicazioni sulle azioni future. La risposta breve è che non lo ha fatto. Ecco alcuni importanti spunti di riflessione emersi dalla riunione;

In che modo la BCE sta passando a un approccio lungimirante?

La BCE sta cercando di tornare al suo ruolo di banca centrale lungimirante. Durante i periodi di inflazione elevata, la BCE si è dovuta concentrare sui dati attuali, in contrasto con il suo ruolo fondamentale di anticipazione delle tendenze future. Nella recente conferenza stampa, il Presidente Christine Lagarde ha sottolineato che la decisione è stata dettata da una maggiore fiducia nelle prospettive economiche, in particolare nelle proiezioni macroeconomiche della BCE.

Lagarde ha evidenziato la previsione di inflazione per il quarto trimestre del 2025, che si è mantenuta costantemente tra l’1,9% e il 2,0%. Questa stabilità dà alla BCE la certezza che l’inflazione sia sotto controllo. Per gli investitori che desiderano trarre vantaggio da questi cambiamenti economici, capire cosa sia il trading CFD può essere fondamentale per navigare efficacemente nei mercati.

Più in generale, le ultime previsioni della BCE prevedono una crescita del PIL dello 0,9% nel 2024, dell’1,4% nel 2025 e dell’1,6% nel 2026. L’inflazione dovrebbe essere del 2,5% nel 2024, del 2,2% nel 2025 e dell’1,9% nel 2026. Le proiezioni per il 2024 e il 2025 sono state leggermente riviste al rialzo. In precedenza, queste previsioni erano spesso messe in discussione dalla stessa BCE. Ora hanno riacquistato importanza e influenza. Questa rinnovata fiducia indica il tentativo della BCE di ristabilirsi come istituzione lungimirante.

L’ultimo taglio dei tassi segnala l’inizio di un ciclo di allentamento?

Il recente taglio dei tassi non indica necessariamente l’inizio di un ciclo di allentamento. Questo taglio segna la prima volta che la BCE abbassa i tassi dopo una fase di inasprimento senza che vi sia una recessione o una crisi economica. Se non fosse per la chiara comunicazione di febbraio, gli ultimi dati macroeconomici avrebbero potuto giustificare un’altra pausa in questa riunione.

Il recente aumento della crescita dei salari e dell’inflazione, insieme allo slancio economico positivo, avrebbero potuto giustificare un’altra pausa in questa riunione. Lagarde ha dichiarato esplicitamente che la BCE non si sta impegnando in alcun percorso specifico per i tassi, evitando deliberatamente di fornire una forward guidance. I commenti rilasciati durante la conferenza stampa, che sottolineano il necessario livello di restrizione, l’elevata dipendenza dai dati e il fatto che un membro del Consiglio direttivo si sia opposto al taglio dei tassi, suggeriscono che la BCE non ha ancora deciso le sue prossime mosse.

Quali sono i rischi di ripetere gli errori storici?

L’approccio della Lagarde durante la conferenza stampa, che ha utilizzato la prima domanda per fare una dichiarazione preparata, ha riportato alla memoria l’ex presidente della BCE Jean-Claude Trichet. Trichet era noto per la sua tecnica di fare dichiarazioni a prescindere dalle domande poste. L’attuale taglio dei tassi solleva la possibilità di un “momento Trichet al contrario”, in riferimento agli errori commessi in passato dalla BCE sotto la guida di Trichet.

Nel 2008, la BCE ha aumentato i tassi di interesse poco prima della crisi finanziaria globale, una mossa ampiamente considerata un errore. Nel 2011, la BCE ha nuovamente alzato i tassi, pensando che la crisi dell’euro fosse ormai superata, per poi fare marcia indietro mesi dopo, quando Mario Draghi è entrato in carica e ha tagliato i tassi in piena recessione. Questi errori storici evidenziano il rischio che la BCE possa trovarsi ad affrontare una situazione simile se le condizioni economiche future dovessero deteriorarsi, portando potenzialmente a un’inversione del taglio dei tassi odierno.

Conclusioni

In sintesi, il recente taglio dei tassi rientra chiaramente nella descrizione di un “taglio da falco”. La natura persistente dell’inflazione ha reso alcuni membri della BCE più cauti rispetto a qualche mese fa. In uno scenario ideale in cui l’economia dell’eurozona si comporta come previsto, con una crescita al livello potenziale e un’inflazione leggermente inferiore al 2%, la BCE potrebbe continuare a tagliare i tassi.

Un taglio dei tassi a settembre e un altro a dicembre sembrano probabili. Tuttavia, non ci vorrebbero molte sorprese negative sull’inflazione perché la BCE proceda con maggiore cautela o addirittura inverta il taglio effettuato a giugno. Con la recente decisione, la BCE ha leggermente allentato il proprio orientamento di politica monetaria.

Tuttavia, date le potenziali sfide all’inflazione che ci attendono, è ancora troppo presto per pensare di allentare completamente i freni della politica monetaria. Questo approccio prudente evidenzia l’impegno della BCE a mantenere la stabilità economica, pur affrontando condizioni economiche incerte.

Pubblicità

Articoli correlati

Ultime News