18.6 C
San Gavino Monreale
sabato, 24 Ottobre 2020

Estorsione allo chef Giunta, sequestrati beni per 40 milioni

Emergenza sanitaria

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Coronavirus in Sardegna, è record assoluto di nuovi contagi: +349 nelle ultime 24 ore

Sono ben 349 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 23 ottobre 2020...

ASSL Sanluri, ecco come richiedere l’esito del tampone

Tramite il servizio online dell'ASSL di Sanluri è possibile richiedere l'esito del Tampone effettuato presso l'azienda sanitaria inviando una semplice mail all'indirizzo: refertitamponi.sanluri@atssardegna.it.

Emergenza Covid e l’imbuto del sistema sanitario, la ricetta del Dott. Emiliano Tatti

Una riflessione del Dott. Emiliano Tatti, medico ospedaliero che da 11 anni presta servizio come neurochirurgo presso l'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari,...

Villacidro, venerdì 23 ottobre Liceo Classico “Piga” chiuso in via precauzionale

La Sindaca di Villacidro Marta Cabriolu, essendo venuta a conoscenza in forma verbale dell'accertata positività al Coronavirus di un dipendente operante nell'Istituto,...

Nell’ambito dell’operazione “Alexander” dei carabinieri di Palermo.

Beni per un valore di oltre 40 milioni di euro tra cui un pub, due barche, un’auto e un’acquascooter: è l’oggetto del sequestro eseguito dai carabinieri di Palermo nell’ambito dell’operazione “Alexander”, che lo scorso 3 luglio portò all’arresto di 26 persone e smantellò i vertici dei mandamenti mafiosi di Porta Nuova, Brancaccio e Mazara del Vallo.

I sigilli sono scattati per un’azienda di macellazione e vendita di carne all’ingrosso, che vale 30 milioni di euro, nel cui patrimonio aziendale rientrano uffici amministrativi e unità operative a Palermo e un immobile a San Gavino Monreale, in Sardegna. L’azienda, intestata a terze persone, sarebbe riconducibile a Antonino Ciresi, arrestato ad aprile perchè ritenuto responsabile dell’estorsione allo chef Natale Giunta, e ritenuto reggente del clan di Borgo Vecchio.

Sotto sequestro poi sono finiti un pub, una barca e un gommone, un’auto e un acquascooter, beni che erano a disposizione di Antonino Serenella, braccio destro di Alessandro D’Ambrogio, formalmente dipendente della Sicil Trinacria Onlus, società fornitrice di servizi partecipata della Regione Siciliana: di fatto nullafacente, manteneva un tenore di vista palesemente alto rispetto allo stipendio di circa mille euro al mese. Sequestrati anche 200mila euro fra assegni e contanti.

Fonte: Corriere Nazionale

Articoli correlati

Ultime News

Giochi mortali in via Dante: e se il problema fosse più profondo? Il punto di vista di Francesco Podda

Ieri abbiamo pubblicato la denuncia di una nostra lettrice, in cui si parlava di giochi mortali nella rotonda di via Dante, che...

Coronavirus: firmata ordinanza per anticipo pensioni e indennità

Disposto il pagamento anticipato delle prestazioni previdenziali di novembre e dicembre. Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Contributi spese di trasporto, sostenute da cittadini con il riconoscimento dello stato di handicap grave

Allegati DETERMINA_Num_486__Allegato1_bando-2020Download DETERMINA_Num_486__Allegato2_MODULO-2020Download