21 C
San Gavino Monreale
domenica, Luglio 5 2020

Deiola brilla tra i professionisti

Da leggere

Diabetologia, un modulo da compilare per proseguire la battaglia al fianco dei pazienti

Un modulo PDF da inviare via mail alla ASSL di Sanluri, per diventare parte attiva della protesta contro lo spostamento del servizio...

Calcetto e sport da contatto, in Sardegna si riparte da oggi

Calcetto con gli amici? Da oggi si può anche in Sardegna. Con l'ordinanza 30 del 4 luglio 2020, infatti, il Presidente della...

Poste Italiane, anche in Sardegna importante contributo allo sviluppo economico e sociale

In Sardegna impiegate oltre 3200 risorse in maniera diretta nell’attività ordinaria. Nell’isola, con il solo progetto “Piccoli Comuni”, effettuati ad oggi oltre...

Raccolta abiti usati, le raccomandazioni della Caritas

Abiti usati, la Caritas Interparrocchiale - San Gavino Monreale ricorda alla cittadinanza le linee guida per la raccolta di solidarietà, operazione preziosissima ma...

Un giovane sangavinese emigrato per scelta, per crescere, per tornare ancora più forte. Stiamo parlando di Alessandro Deiola, diciannove anni, calciatore professionista.

Deiola e Tavano
Deiola e Tavano

Sì, Alessandro dalla stagione 2014-2015 veste la maglia nero-verde del Tuttocuoio, società calcistica militante in Lega Pro (la vecchia serie C) con sede a Ponte a Egola, frazione di San Miniato in provincia di Pisa. Nessuna presenza col Cagliari in serie A nelle ultime stagioni in cui è stato aggregato in prima squadra ma ben due gol all’attivo in questo primo scorcio di campionato con la società toscana.

Uno alla sesta giornata, una girata al volo da dentro l’area contro la celebre Pistoiese, e l’altro invece contro il Santarcangelo, un gol splendido, un pallonetto degno dei grandi numeri dieci in cui si può notare tutta la freddezza e la maturità di Alessandro, nonostante la giovanissima età.

Da quest’anno Deiola è tornato al suo ruolo originario quello forse più congeniale alle sue caratteristiche, la mezzala, dopo diversi anni in cui il suo ruolo era quello di difensore nella Primavera del Cagliari, squadra di cui era diventato il leader.

Cresciuto nella Sangavinese di signor Giovanni Zucca, a nove anni passa alla Santa Teresa per poi entrare a far parte delle giovanili del Cagliari dopo appena un anno, prima a Palmas Arborea, dove ha sede la scuola calcio di Gianfranco Matteoli, e poi ad Assemini, dove il Cagliari coccola e allena le nuove promesse del calcio isolano.

Questa la storia calcistica di Alessandro, sperando sia solo l’inizia di una bella fiaba.

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Diabetologia, un modulo da compilare per proseguire la battaglia al fianco dei pazienti

Un modulo PDF da inviare via mail alla ASSL di Sanluri, per diventare parte attiva della protesta contro lo spostamento del servizio...

Calcetto e sport da contatto, in Sardegna si riparte da oggi

Calcetto con gli amici? Da oggi si può anche in Sardegna. Con l'ordinanza 30 del 4 luglio 2020, infatti, il Presidente della...

Poste Italiane, anche in Sardegna importante contributo allo sviluppo economico e sociale

In Sardegna impiegate oltre 3200 risorse in maniera diretta nell’attività ordinaria. Nell’isola, con il solo progetto “Piccoli Comuni”, effettuati ad oggi oltre...

Raccolta abiti usati, le raccomandazioni della Caritas

Abiti usati, la Caritas Interparrocchiale - San Gavino Monreale ricorda alla cittadinanza le linee guida per la raccolta di solidarietà, operazione preziosissima ma...

Le lettere di Mamma Giovanna: chi ha paura di un’auto?

Carissimi automobilisti, carissimi pedoni,a quarantena finita, abbiamo ripreso tutti le vecchie abitudini: chi andava a piedi, chi in bici e chi sfrecciava...