San Gavino Monreale
Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Sa Die de sa Sardigna, una giornata dedicata a Giorgio Asproni

La festa del popolo sardo. Così la Regione definisce Sa Die de sa Sardigna. La giornata di celebrazione è stata istituita nel 1993 dal Consiglio regionale per ricordare l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con la quale i sardi cacciarono da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola titolare del Regno di Sardegna.

Sa Die de sa Sardigna, una giornata dedicata a Giorgio Asproni

Sa Die de sa Sardigna, una giornata dedicata a Giorgio Asproni

Quel giorno il popolo sardo insorse contro i piemontesi al culmine di un movimento di ribellione avviato anni prima: i sardi chiedevano di essere coinvolti nei ruoli decisionali e di avere maggiore autonomia davanti alla classe dirigente, allora completamente piemontese. Il governo sabaudo respinse le richieste degli isolani. Così scoppiarono i “Vespri sardi” con cui 514 funzionari e il viceré di Sardegna Vincenzo Balbiano furono cacciati da Cagliari.

Dal 1994 la data è celebrata come “Giornata del popolo sardo” e anche quest’anno i moti rivoluzionari sardi verranno ricordati con un programma di incontri e appuntamenti culturali. L’edizione 2017 di Sa Die de sa Sardigna è dedicata a Giorgio Asproni, uno dei primi e più convinti sostenitori dell’autonomia sarda, nato a Bitti nel 1808 e morto a Roma nel 1876.

Il programma di Sa Die de sa Sardigna partirà da Cagliari venerdì 28 aprile e toccherà Monti, Sardara, Fordongianus, Nuoro, Bitti, paese natale di Asproni, e coinvolgerà gli studenti delle scuole isolane in diversi comuni.

Sa Die de sa Sardigna

Sa Die de sa Sardigna

Condividi la pagina

Lascia un commento