27.4 C
San Gavino Monreale
martedì, Luglio 7 2020

E-mail con rimborsi dell’Agenzia Entrate, attenzione alla truffa

Da leggere

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Una cagnolina vaga per il paese, si cercano i proprietari

Il problema dei cani (randagi o lasciati liberi di uscire dai cortili) che vagabondano per le vie del paese è sempre più...

Diabetologia, la battaglia si sposta in Regione: lettera all’Assessore Mario Nieddu

Il FAND Medio Campidano scrive all'Assessore Regionale alla Sanità, Mario Nieddu, per presentare formale richiesta di ripristino integrale del Servizio di Diabetologia...

“A Casa di Gio”: Torta di fichi senza cottura!

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Come spesso accade quando si sta aspettando un grande evento, i truffatori approfittano dell’attesa per confondere i consumatori e tentare raggiri sempre nuovi. Qualche giorno fa vi abbiamo segnalato un tentativo di truffa mediante un falso SMS dell’INPS, oggi dobbiamo segnalarvi tentativi simili, mediante email che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate.

Ecco la mail arrivata alla nostra casella di posta elettronica poco fa.

Si tratta del cosiddetto phishing (un tipo di truffa effettuata su internet attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, o semplicemente aprire un file, come in questo caso).

Cliccando sul link si viene reindirizzati ad una pagina che contiene il logo dell’Agenzia delle Entrate e richiama vagamente la grafica del sito istituzionale. Vengono chiesti dati personali e i dati della carta di credito, necessari per sbloccare un fantomatico PIN.

Ecco la schermata.

Ovviamente non bisogna mai inserire i dati personali, e ancor meno quelli della carta di credito in siti non sicuri. Non verranno mai chiesti da INPS, Agenzia delle Entrate, banche o altri enti governativi.

Ancora una volta si sfrutta lo stato di necessità delle persone e l’attesa per i contributi INPS per invogliare le persone a cliccare su siti malevoli e vedersi sottrarre denaro dei propri conti online.

Altri articoli

Ultime News

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Una cagnolina vaga per il paese, si cercano i proprietari

Il problema dei cani (randagi o lasciati liberi di uscire dai cortili) che vagabondano per le vie del paese è sempre più...

Diabetologia, la battaglia si sposta in Regione: lettera all’Assessore Mario Nieddu

Il FAND Medio Campidano scrive all'Assessore Regionale alla Sanità, Mario Nieddu, per presentare formale richiesta di ripristino integrale del Servizio di Diabetologia...

“A Casa di Gio”: Torta di fichi senza cottura!

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...

Psiconcologia: un servizio sottovalutato e scomparso dalla ASSL di Sanluri

Anni fa, esattamente nel 2015, l'ASSL di Sanluri dava notizia dell'attivazione di un importantissimo servizio: lo Sportello di sostegno al lutto e...