16.1 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 20 Ottobre 2021

Vaccini nel Medio Campidano, una guerra tra poveri

Emergenza sanitaria

Pubblichiamo una riflessione di Enrico Pusceddu, sindaco di Samassi, sulla situazione relativa ai vaccini nel Medio Campidano e sulle difficoltà delle amministrazioni locali a fronteggiare circostanze ai limiti dell’inverosimile.

Ecco, integralmente, la nota di Enrico Pusceddu.


Ho appena ricevuto dall’ATS una comunicazione che invita i Comuni (ancora una volta) a dare una mano per contattare gli anziani, fornirgli le indicazioni e la modulistica necessaria per presentarsi sabato 10 nella sede vaccinale (stavolta di Sanluri).

Nel Medio campidano stiamo ancora aspettando di concludere le vaccinazioni degli ultraottantenni (a Samassi 270 non sono stati ancora vaccinati) mentre dalla stampa apprendiamo che in altre parti d’Italia si sta già procedendo con i settantenni e che “addirittura” in tanti piccoli Comuni si è vaccinato gli anziani nel proprio paese (diritto sacrosanto per loro).

Nell’appuntamento di sabato a Sanluri dovrebbero vaccinare 21 samassesi al mattino e 21 la sera. Dopodiché mancheranno all’appello ancora 228 anziani con più di 80 anni e non si sa quando potranno vaccinarsi.

Pare che siamo messi male?
No, c’è anche chi sta peggio di noi perché tra i Comuni chiamati per le vaccinazioni di sabato mancano diversi piccoli Comuni del Medio Campidano. Loro saranno invitati alle prossime “edizioni”, si nel comunicato c’è scritto proprio così.

Mettiamo da parte le critiche al personale che lavora, alle questioni politiche, all’incapacità di alcuni dirigenti e all’insana voglia di dire che è sempre colpa di qualcun altro e concentriamoci solo su un aspetto che sta sfuggendo di mano.
I “vaccini” sono diventati una questione di sopravvivenze (di varia natura) e in contesti come questi i più “poveri” sono costretti a farsi la guerra tra loro per elemosinare diritti che non dovrebbero essere mai, e poi mai, messi in discussione, tra questi il diritto alla salute a alla dignità delle persone.

A questo punto, se dobbiamo vedercela tra poveri per elemosinare poche briciole penso che i cittadini samassesi (così come ci hanno insegnato i nostri anziani) concorderanno con me che sia arrivato il momento di dare un segnale forte e dimostrare che siamo molto più di numeri in freddi elenchi.
Siamo esseri umani con pari diritti e dignità.

Se siamo tutti in emergenza è giusto condividerne il peso e il sollievo con gli altri. E’ giusto condividere i vaccini previsti per il nostro Comune con gli anziani degli altri paesi che ancora ne sono privi e così faremo.

Ho avvisato i colleghi Sindaci dei Comuni ancora più piccoli del nostro che ci rendiamo disponibili a condividere le 42 dosi assegnate a Samassi con gli anziani dei Comuni esclusi da questa (tardiva e maldestra) chiamata.

Non possiamo dargli molto di più ma lo facciamo con tutto il cuore.

Se questa è una gara al “si salvi chi può” dove vincono gli egoismi più beceri noi non ci stiamo. A Samassi non funziona cosi, e non dovrebbe funzionare così neanche dalle altre parti.

Non vogliamo elemosine, pretendiamo diritti.

Il Sindaco di Samassi
Enrico Pusceddu

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News