19.9 C
San Gavino Monreale
giovedì, 26 Maggio 2022

Servizio Civile, bando da 444,30 euro al mese. Confartigianato seleziona giovani facilitatori digitali

Emergenza sanitaria

Servizio civile digitale a Cagliari: ancora pochi giorni per candidarsi. Confartigianato Sud Sardegna e ANCOS selezionano giovani “facilitatori digitali” tra i 18 e i 28 anni.

I giovani sardi che volessero fare un’esperienza nel Servizio Civile Digitale a Cagliari hanno a disposizione ancora pochi giorni per proporre la propria candidatura.

Infatti, Confartigianato Sud Sardegna, attraverso la propria Associazione di Promozione Sociale “ANCOS”, nell’ambito del Servizio Civile Digitale, selezionerà 1 giovane da inserire nel programma “Cittadinanza digitale: accompagnamento all’uso consapevole ed efficace dei nuovi strumenti di accesso ai servizi” che durerà 12 mesi.

Il ruolo degli operatori volontari sarà quello di “facilitatore digitale”, con l’obiettivo di fornire il supporto al cittadino nell’utilizzo delle tecnologie digitali e l’accompagnamento all’utilizzo dei servizi pubblici digitali. Per questo Confartigianato e Ancos “premieranno” i candidati in possesso di competenze digitali anche “formali”.

Gli interessati, senza distinzione di sesso, che saranno impegnati nel progetto “Digital divide: facilitatori digitali ponte fra generazioni”, per candidarsi dovranno avere tra 18 anni e non aver superato i 28, essere in possesso dei requisiti previsti dal bando e presentare la domanda entro le 14:00 del prossimo 26 gennaio. Al volontario verrà riconosciuto un assegno mensile pari a 444,30 euro.

Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma domanda on line raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

Possono presentare domanda i giovani, senza distinzione di sesso, con questi requisiti: cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia; aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda; non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

“L’obiettivo generale del Progetto – commenta Pietro Paolo Spada, Segretario di Confartigianato Sud Sardegna – è favorire una maggiore accessibilità alle informazioni e ai servizi da parte degli anziani, creando contemporaneamente una spinta verso l’infrastrutturazione tecnologica a supporto di questa categoria di persone, così come di tutte quelle fasce della popolazione che, per i motivi più disparati, faticano ad utilizzare in modo efficace e soprattutto consapevole gli strumenti ed i canali che le nuove frontiere digitali mettono a disposizione”. “Il rischio che restino esclusi dalla trasformazione digitale in atto e privati della possibilità di esercitare i loro diritti di cittadinanza in digitale – conclude il Segretario – è drammaticamente elevato e rallenta il percorso avviato verso una compiuta e diffusa Cittadinanza Digitale”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News